Festa del cinema a Fregene dal 25 al 28 luglio: tra i film proiettati anche “Dogman” alla presenza di Matteo Garrone

Martedì 16 Luglio 2019
Una scena del film
Quattro film che hanno segnato la storia del cinema italiano e il regista Matteo Garrone saranno i protagonisti, dal 25 al 28 luglio, della prima «Festa del cinema di Fregene - Fregene e la Dolce vita in vacanza». L'evento si svolgerà presso l'Arena dello stabilimento della Marina Militare sul lungomare di Levante. Saranno ripercorsi le storie, i protagonisti, gli anni della Dolce Vita del cinema: si parte il 25 alle 21.30, con un tributo a Ettore Scola, presenti la famiglia Scola e Milena Vukotic, con la proiezione de «La terrazza»; il 26 un omaggio a Dino Risi con «Il sorpasso»; il 27 sarà la volta di «Peccato che sia una canaglia» di Alessandro Blasetti e il 28 sarà ospite d'onore il regista Matteo Garrone che riceverà il Premio Ugo Gregoretti, il grande autore/regista e frequentatore di Fregene, scomparso di recente. Sarà proiettato il pluripremiato suo «Dogman».

«È un'iniziativa originale - ha detto il sindaco di Fiumicino Esterino Montino - che vogliamo consolidare per il futuro e che precede il Fiumicino Film Fest di fine settembre che avrà quest'anno il tema del viaggio. A Fregene sono state scritte tra le pagine più belle del cinema italiano ed era doveroso organizzare un Festival qui». «Saranno 4 giorni intensi per un Festival che nasce dall'intuizione di far conoscere ai giovani film importanti, accanto ad aneddoti che hanno legato Fregene a tanti personaggi del cinema», ha detto Felice Laudadio, presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia. Ogni sera presso l'arena verranno proiettati i film in calendario preceduti da cinegiornali e filmati dell'epoca, una breve presentazione e intervista gli ospiti della serata. Due schermi verticali proietteranno nel corso di tutta la durata della rassegna, scene e spezzoni di cinegiornali ritraenti Fregene tratte dagli archivi Luce-Cinecittà.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare da soli? “Un sacco bello”. Anche senza andare in Polonia

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma