Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Evi, fare di più per Fratta-Gorzone a Verona

Evi, fare di più per Fratta-Gorzone a Verona
1 Minuto di Lettura
Giovedì 4 Novembre 2021, 10:00 - Ultimo aggiornamento: 08:19

BRUXELLES - "Le misure attuali non sono sufficienti per raggiungere un buono stato ecologico del fiume". Lo sottolinea Eleonora Evi, eurodeputata e co-portavoce di Europa Verde, dopo la risposta di Virginijus Sinkevičius a nome della Commissione europea all'interrogazione parlamentare sullo stato del fiume Fratta-Gorzone, nel veronese.

Bruxelles, che aveva già esortato l'Italia a migliorare il monitoraggio del fiume, ha ricordato che "spetta in primo luogo agli Stati membri garantire il rispetto della legislazione dell'Ue". "Il locale consorzio Arica vi scarica, infatti, ben 90 mila metri cubi di reflui provenienti da cinque depuratori siti nel più grande distretto della concia d'Italia.

Si tratta di reflui contenenti sostanze altamente dannose per la salute, come cromo, cloruro, metalli e Pfas, in quantitativi che violano i limiti previsti dagli standard europei sulla qualità delle acque", precisa Evi. Secondo Evi "le misure di contrasto finora intraprese si sono rivelate del tutto inefficaci, con l'aggravante che il controllo della qualità delle acque viene effettuato lontano dal luogo in cui avviene lo scarico dei reflui".

© RIPRODUZIONE RISERVATA