La svolta di Lele Mora: «Sveglia alle 6 per allestire il mercato. Oggi però ho legami sinceri»

Giovedì 22 Maggio 2014

"Per aiutare la comunitŗ Exodus mi sono inventato una bancarella della solidarietŗ".

Lele Mora, ora ai servizi sociali, racconta la sua nuova vita. L'ex agente di vip ora lavora in banco al mercato: " ho coinvolto alcuni amici imprenditori che donano abiti - ha fatto sapere a "Visto" - accessori e oggettistica varia dando ai clienti la possibilità di acquistarli facendo un' offerta libera, a fronte della quale ricevono una ricevuta. deducibile. Questo progetto mi ha regalato un nuovo entusiasmo e cerco di seguirlo quotidianamente, anche perché la gente che mi vede si incuriosisce e così il success dell'iniziativa cresce. Per ora gli affari sono andati bene e don Mazzi è felice, così come me".

La giornata di Mora inizia presto: "La bancarella si trova in piazza Argentina, lungo corso Buenos Aires. Ogni giorno mi sveglio alle sei del mattino, allestisco il banchetto e poi mi dirigo al mercato ortofrutticolo dove raccolgo frutta, verdura, carni bianche e altri generi alimentari per la comunità di don Mazzi. Dopo un'oretta in comunità vado a lavorare, in ufficio da mio figlio Mirko che mi paga 1.200 euro al mese. li pomeriggio torno alla bancarella, fino alle otto di sera".

La sua vita passata non gli manca: "Chi mi avvicinava in passato lo faceva sempre per ottenere qualcosa in cambio e la riconoscenza serviva a fare ulteriori richieste. Non rinnego la mia attività precedente: l'ho amata, ma non tornerei a fare l'agente. Il mondo dello spettacolo è finto, superficiale e pieno di egoisti. Ho dato tanto a tante persone e la maggior parte di loro si è allontanata. Oggi ho legami sinceri".

Ultimo aggiornamento: 11:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua