Costringe le figlie a sci e macrobiotica: voleva che dimagrissero, rischia 10 mesi

Giovedì 22 Gennaio 2015
Dato che le considerva grasse e glielo ricordava in continuazione usando anche espressioni ben più pesanti, un facoltoso cinquantenne torinese avrebbe costretto le proprie due figlie adolescenti a praticare sci a livello agonistico, nonostante loro non volessero, e a seguire un'alimentazione esclusivamente a base di prodotti macrobiotici.
Tutto per farle dimagrire. Oggi l'uomo rischia una condanna a 10 mesi per maltrattamenti in famiglia. Il pm di Torino Barbara Badellino, che conduce l'accusa del delicato caso, gli contesta di aver turbato l'equilibrio psichico delle due ragazze.

Si tratta di un caso delicato perché potrebbe «fare giurisprudenza». Non ci sono precedenti analoghi. Dal punto di vista tecnico, si è aperto nel 20111, quando l'ex moglie dell'imputato, in seguito ad uno sfogo delle figlie, presentò un esposto alla procura. Le figlie avevano rifeito alla madre che il papà continuava a dire loro che erano «troppo grasse», che dovevano dimagrire, che non potevano andare in discoteca.

Per questo loro non volevano più «andare a stare con papà», come prevedeva l'affidamento congiunto disposto dal tribunale. Per questo la ex moglie lo ha denunciato.

Diversa la versione dell'uomo: la sua è stata la normale preoccupazione di un padre per lo stato di salute delle due figlie. Il genitore, in particolare, ha raccontato di essersi alalrmato dopo aver visto su Facebook alcune foto delel figlie scattate in discoteca. Per questo ha «cambiato registro». Secondo la ex moglie ha esagerato arrivando, nei confronti delle figlie, all'insulto, al punto che loro non lo volevano più vedere.

Il giudice di Torino ora dovrà decidere se nel comportamento dell'uomo può configurarsi il reato di maltrattamenti. Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio, 19:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche