Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morta a 22 anni di Covid dopo ore di attesa per il ricovero: la madre pubblica le foto mentre aspetta un posto sdraiata a terra

Covid, 22enne argentina muore in attesa di un letto d'ospedale
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 26 Maggio 2021, 12:58 - Ultimo aggiornamento: 27 Maggio, 14:20

Lara Arreguiz, una ragazza di 22 anni, è morta di Covid dopo aver atteso a lungo la disponibilità di un letto d'ospedale. L'immagine della giovane di Santa Fe, nel nordest dell'Argentina, in attesa di un ricovero avvenuto troppo tardi, è diventata virale nelle ultime ore palesando al mondo la precarietà del sistema sanitario argentino. Nello scatto la ragazza è distesa a terra, con la testa appoggiata alla borsa e coperta da una giacca di jeans, occhi chiusi e mascherina indossata nell'attesa di essere curata. La 22enne era diabetica, una condizione che avrebbe segnato il suo tragico destino.

LA MADRE - «So che nessuno mi restituirà mia figlia, ma non voglio che nessun altro attraversi di nuovo questa situazione. È così che si aspettava di essere trattata nel nuovo ospedale di Iturraspe. Si sentiva molto male e aveva bisogno di farlo», «Ho chiesto il permesso di farla salire su una barella che c'era e loro non mi hanno autorizzato. Così si è sdraiata per terra ad aspettare il suo turno», racconta sul suo profilo di Facebook Claudia Sanchez, madre di Lara.

America latina epicentro della pandemia: mancano i vaccini, Argentina in lockdown. Raggiunto un milione di morti

IL RACCONTO - «Una signora che aspettava anche lei le ha prestato la sua giacca per coprirsi. Ho sentito molta importanza ed è per questo che ho scattato la foto», spiega la donna, che si esprime tutto il suo sdegno: «Era una paziente a rischio, insulino dipendente da quando era 10 anni. Venivamo dal [centro sanitario] Protomedico con un positivo per Covid e polmonite bilaterale. L'ho annunciato dall'inizio e anche allora non avevano un po' di buon senso ed empatia. I medici l'hanno vista sdraiata lì e l'hanno guardata come un mostro e non l'hanno fatta entrare. Per non parlare delle nove ore che ha trascorso in servizio di guardia. È stato tutto molto ingiusto. Mancanza di solidarietà, professionalità ed empatia».

«Lara ha ottenuto il letto molto tardi», aggiunge Claudia, «abbiamo camminato avanti e indietro per quasi due giorni per averlo. E negli ultimi momenti è andata in terapia. Era una paziente a rischio e dovrebbe essere una priorità nelle cure. I medici fanno un giuramento e qui non lo hanno adempiuto».

Il vaccino? «Non lo voglio fare». Poi muore di Covid a 39 anni, lascia moglie e 5 figli

CHIE ERA LARA - Lara viveva a Esperanza, vicino Santa Fe. La ragazza lo scorso 13 maggio aveva detto ai suoi genitori di non sentirsi bene e i due l'avevano portata in un centro sanitario dove, non essendoci letti, era stata messa su una sedia a rotelle, riporta La Nación. Da lì la diagnosi di polmonite bilaterale e un appuntamento per una test fissato a tre giorni dopo. Poi le sue condizioni di salute sono di nuovo peggiorate e i suoi genitori l'hanno portata nuovamente in ospedale, racconta padre, Alejandro. Mentre aspettava di essere curata, Lara ha perso conoscenza sdraiandosi sul pavimento. «Si è seduta molto malata e mi ha detto che stava per svenire. Ha iniziato a piangere e l'hanno fatta entrare in infermeria e poi di nuovo ad aspettare in un corridoio. Mi ha detto che voleva sdraiarsi e si è sistemata su il pavimento e gli ho messo una giacca. Questa è la foto che è circolata», dice Claudia a Radio Con Vos.

«Fu allora che un dottore o un infermiere che passava di lì, la prese in braccio e la portò dalla guardia. Lì le somministrarono ossigeno e lei si calmò. Ma ci dissero che non c'erano letti»,«poi l'hanno portata al vecchio Iturraspe, dove c'era un letto per lei», ha spiegato il padre. Giovedì 20, dopo una grave crisi respiratoria, Lara si è stata portata  in terapia intensiva, dove è stata intubata e morta poco dopo.

Wuhan, 3 ricercatori del laboratorio «si ammalarono nel novembre 2019»: nuovo dossier Usa. La Cina: stop teorie complotto

© RIPRODUZIONE RISERVATA