Un virus del raffreddare può curare il tumore della vescica

Sabato 6 Luglio 2019
Usando un comune virus del raffreddore si può vincere il tumore della vescica: lo rivela un piccolo trial clinico reso noto sulla rivista Clinical Cancer Research. Un paziente è risultato del tutto libero dalla malattia dopo il trattamento e in altri 14 pazienti trattati è stata osservata la morte delle cellule tumorali, con riduzione della massa tumorale. La ricerca è stata condotta presso la University of Surrey; secondo gli scienziati autori del lavoro il virus - chiamato coxsackievirus  - potrebbe rivoluzionare la terapia per il tumore e ridurre il rischio di recidive. Quel che fa il virus è speciale, dichiara l'autore del lavoro Hardev Pandha.

«Il virus penetra nelle cellule tumorali e le uccide azionando una proteina del sistema immunitario del paziente - spiega - e stimola altre cellule del sistema immunitario ad attaccare il tumore», che normalmente non viene attaccato dalle difese del corpo e per questo è definito tumore freddo. Infatti le cure attualmente in uso per questo tumore sono o invasive (la chirurgia) o molto tossiche e il rischio di recidive è sempre alto. Gli esperti hanno somministrato il virus a 15 pazienti direttamente in vescica attraverso un catetere, una settimana prima di procedere con la chirurgia.

È emerso che il virus, oltre a uccidere direttamente il tumore infettando le cellule malate, stimola il sistema immunitario ad attaccare il male. 
«La riduzione della massa tumorale e la morte delle cellule malate è stata osservata in tutti i pazienti - sottolinea Pandha - e appena dopo una settimana dal trattamento il tumore è completamente scomparso in un paziente, mostrando l'enorme potenziale di questa cura> Peraltro, cosa notevole, non sono stati osservati effetti collaterali della cura. Servirà ora confermare il dato su altri pazienti, conclude Pandha; l'obiettivo è anche quello di affiancare al virus l'immunoterapia che finora è stata preclusa per questo tumore 'freddo'. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma