Infarto, nuovo farmaco sperimentale salva cuore: «Riduce al minimo i danni»

Venerdì 4 Ottobre 2019
Nuovo farmaco sperimentale salva cuore: «Riduce al minimo i danni da infarto»

Sperimentato un farmaco salva cuore che, somministrato subito dopo un infarto, ne riduce i danni e protegge la funzione cardiaca evitando che il paziente sviluppi insufficienza cardiaca cronica. È la promessa che arriva da un lavoro condotto su topi e pubblicato sulla rivista Nature Communications Biology, da Tami Martino della Università di Guelph, in Ontario, Canada. «Nessun tessuto cicatriziale, nessun danno cardiaco, né insufficienza cardiaca, con questo farmaco il cuore non viene danneggiato dall'infarto - spiega la ricercatrice -. Siamo stupiti della velocità della sua azione e della sua efficacia nel curare l'attacco cardiaco e prevenire l'insufficienza cardiaca nei topi trattati».

LEGGI ANCHE Prof salva la vita a un 17enne colpito da arresto cardiaco durante l'ora di educazione fisica 

Un infarto innesca processi infiammatori patologici e formazione di tessuto cicatriziale nella parte del cuore interessata. Conseguentemente il muscolo cardiaco perde in parte la capacità di pompare il sangue e alla lunga si può andare incontro ad insufficienza cardiaca. Gli autori del lavoro sostengono che il loro farmaco sperimentale, SR9009, impedisca sul nascere questa serie di eventi. La molecola agisce sul cosiddetto 'inflammosoma Nlrp3', un complesso proteico che scatena una risposta infiammatoria esagerata e patologica. Pur trattandosi di un lavoro ancora preliminare, conclude Martino, la molecola SR9009 sembra promettente come farmaco di urgenza da somministrare subito dopo l'infarto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma