Scandalo Avastin, indagati i manager di Roche e Novartis

Scandalo Avastin, indagati i manager di Roche e Novartis
2 Minuti di Lettura
Venerdì 14 Marzo 2014, 13:23 - Ultimo aggiornamento: 16 Marzo, 21:13

ROMA Amministratori e dirigenti delle società Roche e Novartis sono indagati a Roma nell'inchiesta sulla presunta campagna di denigrazione del farmaco Avastin. Le aziende sono accusate di aver fatto cartello sul farmaco per la cura degli occhi. L'Antitrust ha già comminato alle società una multa di 180 milioni di euro.

L'inchiesta. Truffa ai danni del servizio sanitario, aggiotaggio ma anche disastro doloso per immissione sul mercato di prodotti che possono aver messo in pericolo i pazienti e associazione a delinquere. Sono i reati contestati dalla procura di Torino ai vertici di Roche e Novartis per la vicenda dei due farmaci usati nelle cure oftalmologiche, Lucentis e Avastin.

Novartis: nessuna comunicazione. La Novartis «non ha ricevuto alcuna comunicazione e pertanto qualunque commento a riguardo rappresenta una pura speculazione», precisa in una nota la casa farmaceutica a proposito delle indagini aperte dalla Procura di Roma. «Novartis - continua il comunicato - riafferma la correttezza del proprio operato, nel massimo rispetto del quadro regolatorio nazionale ed europeo, ed è pertanto disponibile a fornire ogni necessario chiarimento alle autorità competenti, verso le quali nutre la massima fiducia». «Per contro - conclude la Novartis - tutelerà in tutte le sedi legali competenti il proprio operato e la propria reputazione contro accuse evidentemente infondate».

Roche: operato corretto L'azienda farmaceutica Roche dichiara di
«non avere informazioni in merito» e ritiene peraltro inopportuno «fornire commenti al riguardo». Roche ribadisce inoltre la «correttezza del proprio operato e della propria posizione e conferma la fiducia nel fatto che le sue ragioni saranno pienamente affermate». Annuncia il ricorso al Tar dei Lazio nei confronti del provvedimento «a tutela della propria immagine e dei propri diritti». L'azienda ribadisce che Avastin e Lucentis «sono farmaci diversi per composizione, struttura e modalità di somministrazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA