Varianti Covid, allarme della Ue: piano straordinario vaccini, acquistate 300 milioni di dosi da Moderna

«Variante inglese già presente in molto zone d'Italia». Allarme del presidente dei virologi
5 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Febbraio 2021, 13:01 - Ultimo aggiornamento: 18:20

Contro le varianti del coronavirus Sars-CoV-2 che si stanno diffondendo nell'Ue, al punto che quella britannica, la B.1.1.7, è «sulla via di diventare dominante nell'Ue sulle versioni precedenti», la Commissione Europea lancia un piano di preparazione alla bio-difesa, ribattezzato Hera Incubator. Il piano è considerato come il primo embrione (Incubator letteralmente significa incubatrice) della futura agenzia Ue per la difesa biomedica Hera, che la Commissione von der Leyen intende creare sul modello della Barda (Biomedical Advanced Research and Development Authority), agenzia governativa Usa (che, a differenza dell'Ue, sono uno Stato federale) che ha fatto la differenza nella corsa allo sviluppo dei vaccini anti Covid.

«Dobbiamo accelerare le vaccinazioni, i casi di varianti Covid aumentano e ne emergono di nuove. I vaccini approvati in Ue sembrano efficaci contro le varianti ma le varianti sono più contagiose» e quindi favoriscono l'insorgere di altre: lo ha detto la presidente della Commissione Ue Ursula von der LeyenLa Commissione Ue acquisterà poi altri 150 milioni di dosi del vaccino di Moderna per quest'anno, e ne ha opzionati 150 milioni per il prossimo. Si aggiungono ai 160 milioni acquistati l'anno scorso. 

Situazione in Italia 

«La variante inglese di Sars-Cov-2 sta correndo molto veloce» e «in alcune aree d'Italia è già ampiamente prevalente». Praticamente assente fino a un paio di mesi fa, «in poche settimane si è affermata e nel mese di gennaio ha quasi soppiantato il virus originario di Wuhan». Il mutante Gb domina già il nostro Paese secondo Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia (Siv-Isv). «Nella zona bresciana, che ho più sotto controllo - riferisce l'esperto, ordinario di Microbiologia e Microbiologia clinica all'università degli Studi di Brescia, direttore del Laboratorio di microbiologia dell'Asst Spedali Civili - oltre il 60% dei campioni positivi al tampone molecolare per Covid, collezionati random nella popolazione, appartiene ormai alla variante inglese». Anche se in alcune aree della Penisola preoccupano di più altri mutanti, per quello inglese «penso che dati simili al nostro 60% possano essere osservati in diverse zone». E laddove le percentuali attuali restano inferiori, «certamente stanno crescendo rapidamente».

 

La variante inglese, «molto capace di infettare, di diffondere e di imporsi - analizza Caruso - probabilmente si è già meglio adattata all'uomo rispetto al ceppo originario». Più contagiosa - e probabilmente anche più letale stando ai dati preliminari che arrivano dal Regno Unito - fa paura, ma non è l'unica da temere: «Il panorama che si sta delineando - avverte infatti il presidente dei virologi italiani - mostra che questi coronavirus», Sars-CoV-2 con tutte le sue versioni, «hanno una grande capacità di mutare», e che «accanto alle varianti inglese, brasiliana e sudafricana di cui più si parla sta emergendo una miriade di altre varianti che cominciano a preoccupare». Il pericolo più grande è che sfuggano ai vaccini, quindi anche a farmaci come gli anticorpi monoclonali, e ai test diagnostici attualmente disponibili.

Monoclonali, Rappuoli: «I nostri anticorpi capaci di neutralizzare tutte e tre le varianti». Ecco come

Lockdown e zone rosse, nuove regioni in arancione: ecco la mappa dell'Italia “chiusa” per Covid

«Al momento - conferma Caruso - possiamo dire con una certa tranquillità che la variante inglese, per come oggi la conosciamo, non resiste ai vaccini anti-Covid sviluppati finora. Un pò più sfuggente sembra essere il mutante sudafricano, che comunque parrebbe ridurre la capacità neutralizzante degli anticorpi senza eliminarla del tutto. Però, se queste varianti continuano a evolvere - ammonisce l'esperto - non sappiamo fino a che punto saranno ancora suscettibili» alle armi che abbiamo per combatterle. «Allo stesso modo - evidenzia il numero uno della Siv-Isv - se per fare diagnosi si utilizza un tampone antigenico basato sul riconoscimento di una proteina che risulta mutata nelle nuove varianti, questi test di per sé già meno sensibili potrebbero non intercettare il virus». Di fronte alla crescente circolazione di nuovi mutanti, conclude dunque Caruso, «è sempre più importante consigliare a qualsiasi livello il test molecolare». 

Nuova variante del virus isolata a Napoli: il paziente è un professionista di ritorno dall'Africa

Boom in Germania

Intanto, la quota di diffusione della variante inglese del Covid in Germania è passata in due settimane dal 6% al 22%. Lo ha reso noto il Robert Koch Institut. In un incontro con la stampa, il ministro della Salute tedesco, Jens Spahn, ha però sottolineato che, nonostante la presenza delle varianti, nel paese si continua a registrare un calo dei casi di infezione. Stando al bollettino quotidiano del Koch, nelle ultime 24 ore sono state registrate 3.856 nuove infezioni e 528 vittime.

AstraZeneca, malori per il vaccino: gli ospedali interrompono le somministrazioni nel Nord Reno-Westfalia

Lockdown, la linea dura di Draghi: avanti con chiusure mirate, il Cts verrà ridimensionato

Tamponi rapidi sotto esame. «Il nuovo virus può sfuggire, devono essere aggiornati»

© RIPRODUZIONE RISERVATA