CORONAVIRUS

Test sierologici, attesa norma privacy per sbloccarli: Asl telefoneranno ai cittadini

Venerdì 8 Maggio 2020

Test sierologici su scala nazionale, si avanza a grandi passi verso il raggiungimento di un protocollo comune nazionale. contro il coronavirus È attesa proprio in questi giorni una norma in materia di privacy che sblocchi qualsiasi impedimento per contattare, attraverso le Asl nelle varie Regioni, le richieste ai singoli cittadini selezionati per i test sierologici su scala nazionale. La questione della privacy riguarda il reperimento dei contatti telefonici dei singoli cittadini che saranno chiamati a fare il test.

Coronavirus, Nielsen: boom della spesa on line: +144,6% durante il lockdown

Via nel Lazio. «Da lunedì partirà la rilevazione dei test sierologici che complessivamente riguarderà 300 mila cittadini del Lazio. Riguarderà il personale sanitario, tutto il personale che lavora a vario titolo negli ospedali, i medici di base, i farmacisti, le forze dell'ordine e le Rsa». Così in audizione in commissione Sanità l'assessore regionale del Lazio Alessio D'Amato. «Tutte le Asl e le aziende ospedaliere - ha aggiunto - predisporranno un calendario per i prelievi, che saranno venosi. Non utilizzeremo i test istantanei che sono scarsamente affidabili. Per quanto riguarda del forze dell'ordine partiranno i finanzieri - ha spiegato - che sono circa 11 mila nel Lazio, poi toccherà ai carabinieri. Polizia e vigili del fuoco faranno autonomamente i prelievi. Chi risulterà positivo dovrà essere sottoposto a tampone, contestuale nel caso degli operatori sanitari e delle forze dell'ordine. Per gli altri sarà effettuato in modalità 'drive in' il giorno successivo, basterà la ricetta del medico di famiglia. Oggi - ha concluso D'Amato - avremo anche l'elenco dei laboratori privati che hanno le capacità necessarie per effettuare i test con la stessa tecnica che usiamo noi, come avevamo previsto nella delibera di Giunta».

Ultimo aggiornamento: 9 Maggio, 12:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA