Terza dose a 5 mesi, la circolare del Ministero: «Ok anche per chi ha ricevuto Johnson&Johnson»

Terza dose a 5 mesi, la circolare del Ministero: «Ok anche per chi ha ricevuto Johnson&Johnson»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 22 Novembre 2021, 21:49 - Ultimo aggiornamento: 24 Novembre, 09:29

La terza dose del vaccino anti-Covid potrà essere somministrata a 5 mesi di distanza dalla seconda (o dalla monodose Johnson&Johnson). Così la circolare del Ministero della Salute "Aggiornamento indicazioni su intervallo temporale tra somministrazione della dose booster e completamento del ciclo primario": «L'intervallo minimo previsto per la somministrazione della dose "booster" (di richiamo) con vaccino a m-RNA, alle categorie per cui è già raccomandata (inclusi tutti i soggetti vaccinati con unica dose di vaccino Janssen) e nei dosaggi autorizzati, è aggiornato a cinque mesi (150 giorni) dal completamento del ciclo primario di vaccinazione, indipendentemente dal vaccino precedentemente utilizzato». Il provvedimento in gazzetta domani è in vigore da mercoledì.

Terza dose a 5 mesi, la circolare del Ministero della Salute

Circolare emanata «tenuto conto - si legge nel testo - dell'attuale condizione di aumentata circolazione virale e ripresa della curva epidemica e in un'ottica di massima precauzione». In merito ai dosaggi, il documento indica 30 mcg in 0,3 mL per Comirnaty di Pfizer/BioNTech; 50 mcg in 0,25 mL per Spikevax di Moderna. «Si coglie infine l'occasione per ribadire quanto già comunicato circa la possibilità, nell'ambito della medesima seduta vaccinale, di cosomministrare un vaccino a m-RNA anti-Sars CoV-2/Covid-19 (sia in caso di ciclo primario che di richiamo) e un vaccino antinfluenzale, nel rispetto delle norme di buona pratica vaccinale», si legge nella circolare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA