Pillola Pfizer anti-Covid, via libera dell'Aifa a Paxlovid: «A inizio febbraio disponibile in Italia». Così funzionerà la terapia

Le indicazioni sulla terapia: andrà assunta entro i 5 giorni dalla comparsa dei sintomi

Pillola Pfizer, via libera dell'Aifa: «Presto disponibile in Italia»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Gennaio 2022, 19:23 - Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio, 09:42

La pillola Pfizer presto sarà disponibile in Italia. Dopo l'ok dell'Ema di qualche ora fa, oggi la Commissione Tecnico Scientifica (Cts) dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha definito i criteri di utilizzo del medicinale Paxlovid, farmaco antivirale orale per la cura del Covid-19. Il farmaco aveva già avuto nel dicembre 2021 il parere favorevole della Cts per la distribuzione in emergenza e sarà disponibile dalla prima settimana di febbraio 2022.

Paxlovid, prime pillole disponibili da febbraio. Bassetti: «Efficace contro Omicron»

La terapia: pillola entro 5 giorni dai sintomi

Il farmaco orale antivirale di Pfizer Paxlovid, «che nello studio registrativo si è dimostrato efficace nel ridurre dell'88% il rischio di ospedalizzazione e morte, è indicato per il trattamento di pazienti adulti con infezione recente da SARS-CoV-2 con malattia lieve-moderata che non necessitano ossigenoterapia e con condizioni cliniche concomitanti che rappresentino specifici fattori di rischio per lo sviluppo di COVID-19 severa. Il trattamento con Paxlovid deve essere iniziato entro 5 giorni dall'insorgenza dei sintomi per 5 giorni», spiega l'Aifa. Le modalità per la selezione dei pazienti e per la prescrivibilità e distribuzione del farmaco «saranno le stesse già stabilite per l'altro antivirale orale (molnupiravir)». È previsto l'utilizzo di un Registro di monitoraggio, che sarà accessibile sul sito dell'Agenzia italiana del farmaco.

Video

Ieri l'ok dell'Ema

Ieri era arrivato l'ok anche dall'Agenzia europea del farmaco. Il medicinale è raccomandato per il trattamento del Covid negli adulti che non necessitano di ossigeno supplementare e ad alto rischio che la malattia diventi grave. Negli studi presi in considerazione il trattamento con Paxlovid ha ridotto significativamente i ricoveri o i decessi nei pazienti che hanno almeno una condizione sottostante che li mette a rischio di Covid grave.

La maggior parte dei pazienti nello studio è stata infettata dalla variante Delta. Sulla base di studi di laboratorio, si prevede che la pillola sia attiva anche contro Omicron e altre varianti. Il profilo di sicurezza di Paxlovid è stato favorevole e gli effetti collaterali sono stati generalmente lievi. L'Ema ha concluso che i benefici del medicinale sono maggiori dei suoi rischi per l'uso approvato e ora invierà le sue raccomandazioni alla Commissione europea per una decisione rapida applicabile in tutti gli Stati membri dell'Ue.

© RIPRODUZIONE RISERVATA