Covid, Oms dopo le indagini a Wuhan: «La Cina ci ha negato dati chiave sull'origine del virus»

Covid, Oms dopo le indagini a Wuhan: «La Cina ci ha negato dati chiave sull'origine del virus»
3 Minuti di Lettura
Sabato 13 Febbraio 2021, 19:42 - Ultimo aggiornamento: 20:32

Nonostante il capo dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus affermi che la missione degli esperti a Wuhan «ha aggiunto importanti informazioni», più passano i giorni e più crescono le voci critiche a livello internazionale sui risultati ottenuti. Tanto più che gli stessi componenti della squadra, dopo essere rientrati dalla Cina, ora denunciano che le autorità di Pechino hanno «rifiutato alcuni dati chiave» agli studiosi arrivati sul campo per tentare di capire dove abbia avuto origine il coronavirus che alla fine del 2019 ha innescato la pandemia con cui siamo ancora tutti alle prese.

Covid, l'Oms: «Sull'origine del virus ogni ipotesi resta aperta, servono più dati»

A Washington sono cambiati l'amministrazione e i toni - non c'è più Donald Trump ad accusare apertamente l'Oms di essere troppo vicina a Pechino - ma non sembra essere mutato l'atteggiamento critico nei confronti dell'agenzia delle Nazioni Unite: dalla Casa Bianca hanno espresso «preoccupazioni» sull'esito dell'indagine condotta in Cina e «interrogativi» su come è stata portata a termine, evocando lo spettro di «interventi o alterazioni» da parte del governo cinese e ribadendo «l'imperativo che questo rapporto sia indipendente». A Pechino, d'altro canto, l'amministrazione americana di Joe Biden è tornata a chiedere di nuovo con insistenza - per bocca del consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan - che «renda disponibili i suoi dati fin dai primi giorni dell'epidemia».

 

 

I dati negati dalla Cina ai ricercatori Oms

Una richiesta, a quanto pare, condivisa dagli stessi autori della ricerca che li ha visti impegnati per due settimane: uno dei membri della squadra, il microbiologo Dominic Dwyer, ha denunciato che a fronte della domanda di ottenere i dati grezzi sui pazienti dei primi casi, agli esperti sarebbe stato dato dai cinesi solo un riassunto. Lo stesso capo della missione, Peter Ben Embarek, ha espresso la sua frustrazione per la mancanza di accesso alle informazioni richieste, sottolineando la necessità di avere dati in più. La prossima settimana il team dovrebbe render pubblico un primo rapporto su quanto ottenuto in Cina e presentarlo in conferenza stampa a Ginevra, dove ha sede l'Oms.

Intanto nell'ultimo degli ormai rituali briefing online con la stampa, il direttore dell'agenzia Ghebreyesus ha sostenuto, dopo avere parlato con la squadra, che «tutte le ipotesi rimangono aperte e richiedono ulteriori analisi e studi». Questo dopo che qualche giorno prima, quando erano ancora in Cina, gli esperti inviati sul campo erano sembrati invece escludere almeno una delle ipotesi: quella del virus sfuggito a un laboratorio, derubricata a «scenario da film».

© RIPRODUZIONE RISERVATA