Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, stretta sulla movida: mascherine obbligatorie dalle 18 alle 6 anche all'aperto

Coronavirus, stretta sulla movida: mascherine obbligatorie dalle 18 alle 6 anche all'aperto
3 Minuti di Lettura
Domenica 16 Agosto 2020, 19:02 - Ultimo aggiornamento: 19 Agosto, 10:30

Mascherine obbligatorie dalle 18 alle 6 del mattino nei luoghi e locali aperti al pubblico e nei luoghi in cui è più facile che si creino assembramenti. Oltre alla chiusura delle discoteche arriva una nuova stretta anti-coronavirus del Governo che prende di mira i rischi legati alla movida. La misura che impone «sull’intero territorio nazionale di usare protezioni delle vie respiratorie anche all’aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie) ove per le caratteristiche fisiche sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e/o occasionale» è prevista da un'ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza.

Coronavirus Lazio, bollettino: casi ancora in aumento. 68 nuovi positivi in 24 ore, uno su tre per rientri da vacanze

Scuole, incognita riapertura a settembre. L'Oms: «Se contagi aumentano potrebbe essere pericoloso»

Al termine del confronto con i governatori, secondo quanto si apprende, il ministro avrebbe sottolineato: «Diamo un segnale al paese che bisogna tenere alta l'attenzione».

 

L'ordinanza


 

Le parole del ministro

«Propongo di firmare l'ordinanza perché la ripresa dei casi è significativa anche alla luce dei contagi nel contesto europeo», ha detto Speranza nel corso della riunione con i presidenti di Regione. «Non possiamo vanificare i sacrifici fatti nei mesi passati. La nostra priorità deve essere riaprire le scuole a settembre in piena sicurezza».
   

© RIPRODUZIONE RISERVATA