VIRGINIA RAGGI

Virginia, l’ambasciatrice M5S che vuole la pace con la Francia

Giovedì 24 Gennaio 2019 di Simone Canettieri
Operazione feluca. Virginia Raggi oggi ha convocato in Campidoglio 220 ambasciatori, quelli in Italia e gli omologhi presso la Santa Sede e la Fao. Un’iniziativa turbo-diplomatica che ha colto di sorpresa anche il governo. Anche perché poi la comitiva si trasferirà al Teatro dell’Opera. La cosa più interessante è che saranno dell’evento, tra gli altri, Christian Masset e Philippe Zeller, ovvero i due ambasciatori francesi.

Una presenza non scontata, visto il de bello Gallico in atto in questi ultimi tempi tra noi e i nostri “cugini” (virgolette più che d’obbligo) d’Oltralpe. Invece, nessuna tensione. Altro che à la guerre comme à la guerre. Anzi, ieri raccontavano da piazza Farnese che «è nostra volontà esserci proprio per dividere la battaglia politica dai rapporti diplomatici che sono ben altra cosa». Raggi, che rimane soprattutto all’estero una super big del M5S, avrà dunque il compito di troncare e sopire, nonostante le invettive fortissime di Luigi Di Maio e del resto del governo contro la Francia. Forse ce la farà, forse no. Chissà se la sindaca coglierà anche l’occasione per ricordare agli ambasciatori, come disse nel giugno 2017, «che fanno parte della lista di istituzioni morose con il Comune nel pagamento della Tari»?
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La scuola dove la geometria si insegna giocando a carte

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma