Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Villa Pamphili, la volpe vuole fare amicizia e la donna neanche se ne accorge

Villa Pamphili, la volpe vuole fare amicizia e la donna neanche se ne accorge
di Pietro Piovani
2 Minuti di Lettura
Lunedì 29 Aprile 2019, 00:00
Per Olimpia, Giglio e le altre volpi che si sono stabilite a Villa Pamphili, i primi tempi era tutta una festa. I romani le inseguivano, le fotografavano, le nutrivano, anzi le ingrassavano a colpi di tramezzini, melanzane alla parmigiana e altri manicaretti non proprio adatti alla dieta di un carnivoro selvatico, chiamavano il veterinario al primo starnuto, insomma manifestavano le loro attenzioni come mamme apprensive e un po' soffocanti. Ma in questa città, lo sappiamo bene, ci si abitua a tutto, così ora le volpi di Villa Pamphili sono diventate parte del paesaggio e neanche ci si fa più caso, come dimostra un video pubblicato ieri sulla pagina Facebook “Associazione per Villa Pamphilj”.

Nel video si vede la povera volpe Olimpia, che forse si sente trascurata, avvicinarsi a una signora per fare amicizia, ma quella è tutta concentrata nel sistemare gli auricolari del telefonino e neanche se ne accorge. La donna riparte con il suo jogging e se ne va via sotto gli occhi delusi della povera volpe. Mentre gli umani se ne fregano, gli altri animali se ne approfittano: in un altro video su Instagram si vede una volpe bullizzata da un gruppo di oche maleducate.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Marco Zelli (@thegoatandthegoose) in data:


Per non parlare di quel ratto che (come ha già raccontato Marco Pasqua sul Messaggero) aveva abusivamente occupato la tana di Giglio.

Insomma questa è la solita storia di Roma, la stessa del marziano di Flaiano, che quando atterra a Villa Borghese viene accolto e portato in trionfo dalla città e neanche tre mesi dopo viene preso a pernacchie dai ragazzini.

pietro.piovani@ilmessaggero.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA