ROMA

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

Lunedì 18 Novembre 2019 di Pietro Piovani
1
Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino
Delia è sempre stata convinta di attirare la gente strana, e ne ha avuto la conferma qualche mattina fa, quando era seduta sul tram 8 e a un certo punto le si è avvicinato un passeggero davvero particolare. L'uomo – avrà avuto sui 70 anni – non ha cercato neanche un pretesto per attaccare bottone: di punto in bianco, si è messo a raccontarle la sua vita. Che non è stata una vita qualunque.

«Ho ucciso due uomini. Loro volevano uccidere me, e invece li ho uccisi io. Sono stato in carcere 27 anni, sono uscito la settimana scorsa. Ora sto andando in ospedale da mia moglie che è ricoverata, sta male, voglio starle vicino. Negli anni passati in carcere mi sono fatto due tatuaggi, me li sono fatti da solo». E a quel punto l'uomo ha aperto il giubbotto e si è sbottonato la camicia, respingendo gli inviti di Delia a fermarsi («ma che fa, è novembre, con l'umido che c'è»). A petto nudo, l'ex detenuto ha esibito i suoi tatuaggi. In uno c'era scritto “Meglio un brutto processo che un bel funerale”. L'altro, proprio all'altezza del cuore, era un omaggio alla moglie: “Massimo - Paola - Per sempre”.

Alla fermata del San Camillo, l'ex detenuto è sceso. E Delia ha commentato: viaggiare a Roma con i mezzi pubblici sarà scomodo, sarà lungo, ma almeno non ci si annoia.

pietro.piovani@ilmessaggero.it
Ultimo aggiornamento: 16:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma