CORONAVIRUS

Covid, Ippolito (Spallanzani): «Si rischia autunno come la scorsa primavera»

Domenica 27 Settembre 2020
Covid, Ippolito (Spallanzani): «Si rischia autunno come la scorsa primavera»

La situazione del Covid è sempre sotto i riflettori generali con alcuni Paesi che registrano un vero e proprio boom di contagi. Non così al momento l'Italia, elogiata anche dall'Oms. Ma i prossimi mesi non saranno facili. «Il mondo è sotto scacco, i Paesi vicini a noi anche, l'Italia molto meno ma l'aumento dei ricoverati e delle terapie intensive indica che il virus non è andato via, continua a circolare. Dobbiamo essere molto attenti perché possiamo avere un autunno come la scorsa primavera». Lo ha detto Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive (INMI) «Lazzaro Spallanzani» a Mezz'ora in più su Rai Tre. «C'è il fattore climatico - ha aggiunto - la difficoltà di riconoscere i virus con sintomi respiratori, che nel caso del coronavirus sono molto gravi. Più teniamo vuote le rianimazioni e meglio sarà - ha aggiunto Ippolito - e per fare questo dobbiamo essere coscienti che tutti noi possiamo essere infetti».

Covid Italia, bollettino oggi: nuovi contagi stabili (1.766) e 17 morti, ma 16.000 tamponi in meno
Covid Lazio, 181 nuovi contagi: 79 a Roma. Eseguiti novemila tamponi. Una vittima
 

Covid, "Senza mascherine in Italia 700 morti al giorno prima del 2021": lo studio americano

Fino a 700 morti al giorno per coronavirus in Italia prima del 2021, 15mila contagi al giorno a novembre e oltre 40mila a dicembre. È lo scenario ipotizzato da uno studio del sito web Worldometer e riportato dal Fatto Quotidiano. Solo una maggiore attenzione da parte di tutti consentirebbe di dimezzare i contagi e limitare i morti.


Ultimo aggiornamento: 17:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA