Violenta la nipote di 13 anni e la mette incinta: arrestato 35enne romeno a Fiumicino

Martedì 29 Gennaio 2019 di Enrico Lupino
Neanche il vincolo di sangue ferma lo zio e la nipote minorenne resta incinta. È accusato di violenza sessuale a danno di minori un operaio romeno di 35 anni che a Fiumicino, nella casa dove viveva con la famiglia della sorella, avrebbe abusato di una ragazzina tredicenne. Il test del dna inchioda lo zio, incensurato e da anni integrato nella città.
Dopo la scoperta della gravidanza, è arrivato l'aborto, al quarto mese. Nessuno in casa si è accorto della violenza. L'accusato, in quel momento ubriaco, ora è in carcere e per lui Tribunale di Civitavecchia ha disposto il giudizio immediato. «Ero ubriaco, non ricordo nulla» avrebbe detto l'immigrato.

Dalle ricostruzioni degli inquirenti tutto sembra essere cominciato in una calda serata agostana, di ritorno da una festa. «In queste occasioni le donne non bevono, ma gli uomini sì», avrebbe detto la moglie dell'imputato sentita dai pm. È al rientro a casa che l'uomo sarebbe andato dalla nipotina. Nessuno però avrebbe udito alcunché. «Prima di condannare è necessario capire quello che è successo per garantirgli un giusto processo e una giusta pena», ha commentato il legale del 35enne Andrea Manasse.
  Ultimo aggiornamento: 14:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma