ROMA

Roma, bulloni "spariti" dal Ponte della Musica: «Pericolo per i pedoni»

Lunedì 18 Maggio 2020 di Laura Larcan

Elegante, dal design avveniristico, panoramico, ma senza bulloni. È lo strano caso del Ponte della Musica, la struttura che attraversa il Tevere collegando tutto il quartiere Flaminio, con tanto di Auditorium e Maxxi, al quadrante sportivo del Foro Italico. Ebbene, il ponte, che vanta la dedica al maestro Armando Trovajoli, sta gradualmente perdendo i suoi bulloni metallici che tengono stabili le tavole in legno del pavimento nelle due ali laterali pedonali. Passeggiata da brivido? Quasi.

Fase 2 Roma, 18 contagiati dopo un funerale, la famiglia: «Non ci siamo neppure abbracciati»

LA PREOCCUPAZIONE
Negli ultimi cinque giorni ne sono spariti almeno un centinaio. Una tavola è già sconnessa, le altre si muovono. Sotto, come indicano i residenti, c'è il vuoto e l'acqua del fiume. La preoccupazione comincia ad essere condivisa da chi si sta godendo in queste ore le prime passeggiate in libera uscita dalla quarantena. «Dall'apertura della struttura, avvenuta qualche anno fa, avevo notato che erano scomparsi un paio di bulloni metallici che tengono assicurate le tavole del pavimento al ponte, ma negli ultimi cinque giorni ho notato che i bulloni asportati sono diventati circa un centinaio. Un'accelerazione improvvisa ed inaspettata per questa struttura», racconta l'architetto Andrea Villani che abita proprio di fronte al ponte. Uno strano fenomeno per un ponte inaugurato appena nove anni fa, era il 2011. All'epoca, fu un evento cittadino, con tanto di festa d'apertura. E sempre il Ponte della Musica è una delle location predilette dal Comune di Roma per eventi cultural-popolari.
LO STRANO FENOMENO
«Per anni è mancato solo qualche bullone, poi improvvisamente ne sono spariti tantissimi in pochi giorni - commenta l'architetto, habituè delle passeggiate sul ponte - Dal colore, i bulloni metallici sembrerebbero di titanio, anche perché non si arrugginiscono. È davvero un peccato vedere rovinata una così bella opera». Alcune tavole iniziano ad essere poco stabili e traballanti. E al di sotto non c'è altro che il vuoto ed il Tevere. I residenti hanno segnalato la situazione anche ad una volante della polizia che controllava la zona. «Questa pratica, se non arginata, potrebbe essere foriera, a breve, di qualche tragico evento», si chiedono i residenti. Cause e responsabili? L'ipotesi più plausibile è che qualcuno abbia rubato i bulloni. «Quel tipo di metallo potrebbe avere un suo valore», commentano in zona.
LE CAUSE
Che sia un furto per rivendersi il metallo? O qualche gioco vandalico di ragazzini che si divertono a svitarli? Fatto sta che se continuano così le assi della pavimentazione cominceranno ad essere poco stabili. La particolarità del Ponte della Musica è che sulla sponda del Foro Italico ricade nel XV Municipio, mentre sul lato del Flaminio rientra sotto l'egida del II Municipio. La segnalazione ha fatto già impensierire gli uffici: «Anche se la manutenzione del Ponte fa capo al Dipartimento comunale dei Lavori pubblici, ci attiveremo subito per verificare le condizioni della pavimentazione», dice il vicepresidente del II Municipio Emanuele Gisci.
LA SICUREZZA
Intanto i residenti chiedono che vengano rimessi i bulloni e che venga attivato anche un sistema di telecamere a sorvegliare la struttura. «La prima cosa da fare è ripristinare i bulloni sulle due fasce laterali che sono luoghi molto frequentati dai residenti». Già da stamattina partiranno i primi sopralluoghi tecnici da parte del personale del Dipartimento dei Lavori pubblici: «I ponti sono sempre realtà attenzionate, non sarà un problema strutturale - commentano dal Simu - Se è un fenomeno degli ultimi giorni potrebbe essere legato ad un atto vandalico. Per maggiore sicurezza manderemo una squadra per monitorare tutta la parte pedonale».
Laura Larcan
© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA