Omicidio Diabolik, i capi della Nord si riuniscono per trovare l'erede

Venerdì 9 Agosto 2019 di Lorenzo De Cicco
La rabbia e il dolore nel covo degli Irriducibili: i capi della Nord si riuniscono per trovare l'erede
Trovare l'erede di Diabolik. La missione più difficile, per i capi della Nord, in queste ore squassate dall'agguato contro Fabrizio Piscitelli, freddato mercoledì nel parco degli acquedotti a Cinecittà. È il momento del lutto che urta con la necessità di dare una guida alla curva biancazzurra. «Ma Diabolik è insostituibile», si diceva ieri nel covo degli ultrà laziali, in via Amulio, nel cuore del Tuscolano. Era l'unico, giura chi lo conosceva, a saper tenere insieme tutte le anime dello spicchio più tumultuoso dell'Olimpico a tinte celesti, i vecchi e i nuovi arrivati, i volti storici e i pischelli al primo approccio col mondo ultras.

«Gestiva tutto lui, ora non c'è più un capo», commenta con sguardo smarrito il più anziano della comitiva del Tuscolano, accanto alla serranda alzata, mentre tra una vetrina e l'altra del locale un gruppo di ragazzi inizia a tratteggiare quello che sarà un murale alla memoria di Diablo, come lo chiamavano tutti. Il disegno per ora solo abbozzato, è la griffe del capo ultrà, gli occhi di ghiaccio del ladro del fumetto che gli ha dato il nome, anzi il soprannome.
 


«Per chi sta qui è come aver perso un padre o un fratello», racconta Riccardo Rastelli, lo speaker più ascoltato della voce della Nord, l'emittente degli ultrà, un'infinità di ore passate in redazione con Piscitelli. Per il resto, taglia corto, «non c'è nulla da dire, è il momento del dolore. Ci faremo sentire, ma a modo nostro. Come e quando vorremo». Verso i giornalisti, c'è ostilità. La sera dell'agguato, alcuni cronisti sono stati insultati e spintonati. La Federazione nazionale della stampa ha condannato le «minacce».

LA FIACCOLATA
Ieri notte l'appuntamento per gli ultrà era davanti alla chiesa di San Policarpo, all'Appio Claudio, una «fiaccolata in memoria di Fabrizio». Ma è in via Amulio che, per tutta la giornata, si affacciano le prime linee della Curva. Lo striscione degli Irriducibili viene srotolato davanti alla sede. Nella Nord, invece, non dovrebbe esserci, almeno alla primo match casalingo, il derby con la Roma. Al Tuscolano c'è chi lascia un mazzo di fiori, chi un biglietto, anche i romanisti mettono una maglia, segno di rispetto nel sottobosco della tifoseria estrema. A cento metri, su un muro di piazza Santa Maria Ausiliatrice, c'è una scritta accanto a una croce celtica: «Vestìti bene o male, belli o brutti, menamo a tutti». Postilla: «Romanista coniglio». Ma ieri il clima era un altro, marchiato dal lutto.

Toccherà trovare un erede, quindi. I capi della Nord si riuniranno di nuovo, per decidere a chi affidare la Curva. Tra i più ascoltati c'è Alessandro, detto Sandro er Cinese, più d'uno vede in lui la possibile, nuova guida. Anche perché altri sono impelagati in vicende giudiziarie. Si vedrà. Fino a ieri nessuno voleva guardare al futuro, si mostrava solo il dolore per l'omicidio del Diablo, a cui facevano da cassa di risonanza le emittenti biancocelesti. Un ascoltatore, a Radio Sei, si chiedeva: «Siamo tornati ai tempi del Libanese?». Ultimo aggiornamento: 08:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma