Roma, farmacista sequestrato dai rapinatori in casa: la banda fuggita con 8 mila euro

Roma, farmacista sequestrato dai rapinatori in casa: la banda fuggita con 8 mila euro
di Marco De Risi
3 Minuti di Lettura

Paura venerdì pomeriggio in uno stabile del quartiere Trieste. Un farmacista di 50 anni è stato preso in ostaggio da quattro sequestratori armati di pistola. Erano le 17.30, quando l'uomo è rincasato dal lavoro in un palazzo di via Massaciuccoli. Ecco che scatta il sequestro-lampo. Ci sono tre individui ed una donna appostati sotto casa. Il professionista viene circondato e minacciato con una pistola. Per questo l'ostaggio non può fare altro che obbedire agli ordini della gang. Il gruppo entra nell'abitazione del professionista che viene colpito al capo con il calcio dell'arma, poi legato e chiuso a chiave in una stanza. Nel frattempo, i sequestratori riescono a rapinare gioielli chiusi nella cassaforte. Un sequestro di persona che frutta ai quattro un bottino di circa 8.000 euro in pietre preziose. Poi, la fuga dei banditi. Passano alcuni minuti e l'ostaggio, legato, inizia a gridare aiuto fino a quando viene sentito da un vicino. Arriva la polizia che lo libera, poi accorre anche un'ambulanza.
Sono gli agenti della polizia ad occuparsi del sequestro che, secondo gli investigatori, presenterebbe caratteristiche allarmanti. Infatti, è la prima volta, che nel quartiere accade una rapina così articolata e pericolosa. Il farmacista è stato medicato sul posto dal personale di un'ambulanza: non è grave ma ai soccorritori è parso terrorizzato.

IL RACCONTO
«Mi sono sembrate persone dell'Est Europa ha raccontato l'ostaggio agli investigatori Fra di loro c'era anche una donna». Sono state passate al setaccio tutte le telecamere della strada. Il sequestro è avvenuto nella parte alta della via che è stretta ed in discesa: si tratta della strada che inizia da via Nemorense. I residenti, venerdì sera, hanno visto diverse pattuglie della polizia con i lampeggianti accesi, parcheggiate lungo il tratto dove si è verificato il blitz armato. Così è iniziata a circolare la notizia inquietante del sequestro. La polizia sta lavorando in modo intenso per risolvere il caso: infatti si tratta di un blitz che la banda può ripetere di nuovo con altre vittime. Il farmacista ha descritto in modo sommario i malviventi ma si è detto sicuro che si tratterebbe di stranieri dell'Est Europa. A conferma di ciò, vi sarebbero sia i tratti somatici che il modo di parlare. Gli investigatori stanno ascoltando potenziali testimoni che, venerdì sera, quando la banda ha agito, erano in strada e, quindi, posso avere visto qualche particolare utile all'indagine. Gli inquirenti si stanno concentrando su rapinatori di professione già schedati in passato con la speranza che fra loro si possano trovare i responsabili del sequestro di via Massaciuccoli. Si tratta di una zona blindata dalle forze dell'ordine ed il commissariato Vescovio è a pochi metri di distanza in linea d'aria.
 

Domenica 24 Novembre 2019, 11:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA