Roma, Montanari contestata in III Municipio:
«Su Tmb Salario Campidoglio coraggioso»

Roma, Montanari contestata in III Municipio: «Su Tmb Salario Campidoglio coraggioso»
2 Minuti di Lettura
Martedì 15 Gennaio 2019, 19:51

Scambi di accuse, polemiche e contestazioni all'assessore all'Ambiente Pinuccia Montanari nel corso della seduta della commissione Garanzia e Trasparenza, ospitata nella sede del III municipio.«La sindaca Raggi, che dice di essere la sindaca di tutti, io non l'ho vista qui a respirare la nostra stessa aria. Siamo stanchi di essere prese in giro», ha detto una cittadina del III municipio, dove ricade l'area del Tmb Salario andato a fuoco alcune settimane fa.  «Dopo l'incendio c'è stata grande collaborazione - ha risposto l'assessora all'Ambiente Pinuccia Montanari - e abbiamo lavorato molto». Il Presidente del comitato Villa Spada ha preso la parola dicendo che «abbiamo sempre voluto collaborare con le istituzioni ma non eravamo creduti. Abbiamo dimostrato più maturità delle istituzioni e ora vogliamo sederci ai tavoli che decidono».

LE POLEMICHE
L'assossore Montanari ha poi replicato: «Il presidente Caudo chiede degli atti alla giunta Raggi: nessuna amministrazione precedente ha affermato che il Tmb sarebbe stato chiuso entro il 2019. Con la revisione del piano Industriale del 2017 di Ama, che faremo noi, questo processo sarà completato - ha replicato Montanari - L'unica persona che ha avuto il coraggio di farlo è stata Virginia Raggi». «Mi meraviglia che Caudo non abbia detto che distruggere un impianto di 100mila euro, se il rogo dovesse risultare doloso, sarebbe un grave attacco alla democrazia da sollevare con chiarezza», ha proseguito ancora l'assessora capitolina. «Ma lei è venuta a accusare i cittadini?», ha contestato un cittadino. «No, sono venuta però a darvi delle informazioni e respingo l'accusa di irresponsabilità. Anzi. Abbiamo istituito una cabina di Regia con la ASL Roma 1 per avere una valutazione attenta di questo fatto gravissimo sulla salute dei cittadini», ha aggiunto Montanari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA