Roma, vandali a Villa Sciarra, cassonetti rovesciati e area giochi distrutta: da domani resterà chiusa di notte

Domenica 4 Febbraio 2018
7

Vasi distrutti, danneggiata una fontana, un elemento del gruppo scultoreo divelto assieme ad una base in peperino: questi i danni che alcuni vandali hanno prodotto la scorsa notte a Villa Sciarra a Roma. «Colpa dei cancelli aperti anche di notte, il Campidoglio pensi ai bandi che servono veramente a questa città invece di perdere ancora altro tempo», dice la presidente del Municipio I Sabina Alfonsi (Pd). Alfonsi si riferisce ai bandi per la custodia delle ville storiche che ne permettono la chiusura la notte e polemizza indirettamente sulla scelta di mettere a bando l'Arena di San Cosimato da sempre gestita dai ragazzi dell'America. Il Campidoglio replica facendo sapere che proprio domani sarà firmata una convenzione con l'Associazione carabinieri in pensione che permetterà la sera di chiudere i cancelli della villa, e di altre aree verdi. «I vandali hanno agito con grande tempismo: Villa Sciarra fa parte del lotto di parchi e ville storiche dei Municipi I, II, III e XV per cui l'Associazione Carabinieri in congedo 'Martiri di Nassiriyà ha dato la disponibilità a svolgere un servizio di volontariato per la chiusura e l'apertura dei cancelli.
 

 

La firma per la convenzione con Roma Capitale è prevista per domani, lunedì 5 febbraio», replica in una nota il Campidoglio precisando che «altri parchi e giardini pubblici sono presidiati dal nucleo PICS della Polizia Locale grazie ad un accordo con il Dipartimento Tutela Ambientale di Roma Capitale». Dopo un sopralluogo del servizio giardini sono stati rilevati danni anche all'area giochi dove è stato divelto lo scivolo, abbattuti i cestini portarifiuti che erano fissati al terreno, sradicate due panchine fissate a terra e rotta una terza panchina. Distrutta anche la targa toponomastica e un'anfora. Nei prossimi giorni, dopo la stima dei costi, verranno effettuati i lavori di ripristino.

Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio, 16:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA