M5S

Nettuno, i grillini si dimettono davanti al notaio e fanno cadere il loro sindaco Casto

Giovedì 3 Maggio 2018 di Simone Canettieri
21

Non solo il Pd. Anche il M5S va dal notaio per fare cadere i propri sindaci. Succede a Nettuno, comune del litorale di 50mila abitanti, a sud di Roma. Quattro consiglieri grillini si sono uniti ai nove dell'opposizione e hanno sfiduciato Angelo Casto, primo cittadino pentastellato da due anni. Il documento sta per essere depositato in segretariato e poi il prefetto di Roma avrà tempo 48 ore per nominare un commissario. Un film già visto, con ben altro eco, a Roma con la giunta di Ignazio Marino, caduta sotto i colpi del Pd nel 2015.

LEGGI ANCHE ----> M5S espelle 4 consiglieri comunali

Il coordinatore FI Provincia di Roma, Adriano Palozzi: «Dopo due anni di inefficienze amministrative, immobilismo istituzionale e litigi interni al Movimento 5 Stelle, l’amministrazione Casto è stata sfiduciata e la città litoranea è tornata finalmente libera. Una città, Nettuno, da tempo ferma al palo, degradata e totalmente abbandonata dalla giunta grillina. L’auspicio, adesso, è che le forze civiche e politiche di centrodestra comincino a lavorare insieme al fine di restituire ai cittadini di Nettuno un governo forte, unito e stabile».

«La squadra amministrativa guidata da Angelo Casto, nel prendere atto delle dimissioni odierne di 4 consiglieri di maggioranza e dei 9 dell'opposizione, desidera ringraziare prima di tutto i cittadini che sono stati costantemente al centro di ogni iniziativa politico-amministrativa». È quanto si legge sulla pagina Facebook del Comune di Nettuno, la cui amministrazione M5s è caduta a causa delle dimissioni di 13 consiglieri di maggioranza e opposizione. «A conclusione dell'esperienza alla guida del Comune - si legge ancora - Angelo Casto vuole mettere sopra a ogni altra considerazione i sentimenti di gratitudine per tutti quanti, con vario ruolo, hanno vissuto questo periodo e fattivamente contribuito a questa esperienza. Lavorare per la Città di Nettuno è stato appassionante seppur in mezzo a mille difficoltà che talvolta hanno rallentato l'azione mai, però, fermando il pensiero e il progetto per il bene comune, unico caposaldo di ogni iniziativa».

«Non abbiamo avuto risposte scritte e pubbliche sui gravi fatti non di natura interna, che abbiamo più
volte contestato. Non si tratta di pretestuose polemiche ma di gravi accadimenti amministrativi che vedono il coinvolgimento degli organi di polizia giudiziaria con altrettanti filoni di indagine». Così in una nota i 4 consiglieri pentastellati di Nettuno che insieme all'opposizione si sono dimessi causando la caduta del sindaco M5s Angelo Casto. «Con questo noi sottoscritti Daniela De Luca, Marco Montani, Giuseppe Nigro, Simonetta Petroni - scrivono - non abbiamo mai avuto nulla a che fare e non intendiamo averne più in futuro. Noi siamo persone conosciute, serie, rispettabili e con la nostra dignità. Mai nel ruolo di portavoce M5S, da quando siamo stati eletti, siamo stati coinvolti in situazioni imbarazzanti per noi e per il M5S, come quelle che stanno accadendo negli ultimi due mesi. Consapevoli delle regole e dei valori del M5S , che abbiamo più volte ribadito per iscritto - sottolineano - non ci resta che seguire il consiglio dell'onorevole Bonafede, responsabile degli enti locali M5S Lazio, ovvero rassegnare le nostre irrevocabili dimissioni da consiglieri comunali, nella assoluta certezza che abbiamo sempre operato nell'interesse esclusivo dei cittadini, così come questo ultimo nostro atto di responsabilità politica».

Anche il segretario provinciale del Pd Roma, Rocco Maugliani va all'attacco: «Breve ma intensa. Così potremmo definire l'esperienza del Movimento 5 Stelle a Nettuno, dove a neanche due anni da una vittoria elettorale plebiscitaria, il sindaco Casto è stato mandato a casa dall'opposizione e da un pezzo della sua maggioranza pentastellata, che e' esplosa dopo mesi di faide e regolamenti di conti interni di cui hanno fatto le spese i cittadini e tutta la comunita' nettunese, nella paralisi di un'azione amministrativa resa sempre piu' drammaticamente evidente». 

Enrico Cavallari, consigliere regionale della Lega, attacca: «Un plauso ai nove consiglieri dell'opposizione, a cui si sono uniti quattro di maggioranza, per aver tenuto la parola nei confronti dei cittadini e dimostrato serietà e senso responsabilità - prosegue Cavallari - Tenere in vita un'amministrazione fallimentare è, prima di tutto, una gravisssima ingiustizia nei confronti di chi ha espresso fiducia. Finalmente Nettuno volta una brutta pagina di politica a 5 stelle fatta di noncuranza, incompetenza e abbandono totale del territorio. Siamo pronti per un centrodestra compatto che porti alla città lo sviluppo e i servizi che merita».

Ultimo aggiornamento: 19:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma