Roma, la Casa del Cinema ricorda Mario Brega: «Ce sto io e poi c'è De Niro»

Martedì 18 Settembre 2018
1
La Casa del Cinema di Roma e la Cineteca Nazionale renderanno omaggio domani, 20 settembre, a uno dei più importanti caratteristi della commedia all’italiana: Mario Brega. Si comincerà alle ore 17 con la proiezione del film di Carlo Vanzina Vacanze di Natale e, a seguire, Enrico Vanzina, Rossana Di Lorenzo e Ezio Cardarelli ricorderanno l’attore romano durante un incontro in cui verrà presentato il libro scritto da Cardarelli "Ce sto io…poi ce sta De Niro", pubblicato dalla casa editrice Ad Esta dell’Equatore.
 
A rendere il cinema italiano glorioso e grande non sono stati solamente i registi autori e i sapienti cineasti artigiani, i direttori della fotografia, i musicisti, i montatori, i truccatori, gli scenografi, i costumisti, i fonici, gli sceneggiatori, i grandi attori, i divi e le dive, ma anche i non protagonisti… i caratteristi. Ezio Cardarelli ha il grande pregio – com’era già accaduto per il suo precedente volume dedicato a Bombolo! – di aver scritto non solo una toccante, divertente  e anche commovente biografia dedicata a Mario Brega, ma anche d’invitare a riflettere su delle importanti e purtroppo spesso trascurate pagine del cinema italiano in cui tutto era una filiera in perfetto equilibrio tra improvvisazione ed esperienza, genialità assortite e puro artigianato. Come ha scritto giustamente Carlo Verdone nella Postfazione al volume: «questo libro è ricco di aneddoti, di curiosità riguardanti anche altri attori, racconta vari momenti storici e ha un grande merito: quello di essersi occupato di un caratterista. Una categoria che è stata fondamentale per il nostro cinema di commedia. Alcuni film del passato sono ottimi film. Ma spesso la presenza di caratteristi straordinari ha fatto la vera differenza.

Alcune pellicole saranno ricordate, in parte, più per la presenza di grandi caratteristi che non dei veri protagonisti». Mario Brega, non solo ha lavorato con registi come Dino Risi, Luciano Salce, Steno, Nanni Loy, Pietro Germi, Carlo Vanzina, Carlo Verdone e ha contribuito alla nascita del western all’italiana di Sergio Leone, ma è stato soprattutto un uomo fedele al proprio personaggio: giocatore d’azzardo ma anche persona di gran cuore, capace di catturare l’attenzione e attento con gli amici in difficoltà.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti