Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, arrestata "Madame furto": 12 anni di borseggi nelle metro, deve scontarne 17

Roma, arrestata "Madame furto": 12 anni di borseggi nelle metro, deve scontarne 17
1 Minuto di Lettura
Martedì 6 Febbraio 2018, 11:00 - Ultimo aggiornamento: 11:53

Collanine, braccialetti, portafogli ma anche borse e cellulari: faceva razzia di qualsiasi cosa ed era diventata molto abile a derubare passanti e turisti passandola poi liscia. Tanto da accumulare - dal 2005 al 2017 - reati su reati, mettendo a segno decine di colpi. Ma ieri la sua esperienza si è conclusa nella stazione metro Repubblica quando i carabinieri del nucleo radiomobile le hanno messo le manette ai polsi. Una 32enne di origini bosniache, come le sue complici di 26, 30 e 35 anni, è stata arrestata perché su di lei pendeva un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso il 14 dicembre scorso dal tribunale di Roma, dovendo espiare un cumulo di pene pari a 17 anni e 6 mesi in carcere per reati contro il patrimonio.

I carabinieri sono intervenuti nella stazione della metro dopo la richiesta di un turista 40enne di Catania, derubato del portafoglio dalle quattro ladre. I militari hanno prima rinvenuto la refurtiva sui binari, abbandonata durante il tentativo di fuga delle malviventi, poi le hanno rintracciate e bloccate. Riconosciute dalla vittima, sono state denunciate per furto aggravato in concorso. Portate in caserma, durante le fasi di identificazione, a seguito dei riscontri dattiloscopici, la 32enne è risultata colpita dall’ordine di esecuzione che i carabinieri le hanno notificato. La “madame dei furti” è stata arrestata e portata in carcere a Rebibbia dove dovrà scontare la lunga pena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA