Roma, i commercialisti in piazza decidono lo sciopero: «Troppi i nuovi adempimenti»

Mercoledì 14 Dicembre 2016 di Valeria Arnaldi
3
Commercialisti in piazza a Roma

ROMA - «Ora, basta!». È stato uno slogan semplice e chiaro, ma soprattutto netto quello che in mattinata ha riunito in piazza Santi Apostoli a Roma, tra i quattro e i cinquemila commercialisti provenienti da tutta Italia, nella prima manifestazione della categoria.
 

 

A generare la protesta – la manifestazione è stata organizzata da sette sigle sindacali - sono stati i nuovi adempimenti per la comunicazione dei dati Iva introdotti dal decreto fiscale collegato alla manovra.
«I nuovi adempimenti – commenta Claudio Zambotto, presidente ANC-Associazione Nazionale Commercialisti Roma – tolgono tempo alle nostre attività professionali e hanno ricadute, pure in termini di costi, sui cittadini. In media, saranno almeno 400/500 euro in più l’anno. Poi ovviamente dipende dal cliente. Anche i nostri studi sopporteranno dei costi per i necessari adeguamenti. Queste misure peraltro non serviranno a risolvere il problema dell'evasione fiscale: chi è già è in regola dovrà provvedere a più adempimenti, ma chi evade, continuerà a farlo».
Così, dopo la prima protesta in piazza, i commercialisti organizzeranno il loro primo sciopero, che si tradurrà nell’astensione dell’invio telematico della dichiarazione Iva. Ciò significa che, fermi restando i tempi necessari per la comunicazione all’Autorità Garante, lo sciopero presumibilmente sarà di otto giorni consecutivi, dal 28 febbraio al 7 marzo. 

Ultimo aggiornamento: 15 Dicembre, 16:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La maledizione del marchio dopo il flop di Rome & You

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma