ROMA

Autovelox guasti, multe in calo del 15%: «Sicurezza a rischio»

Lunedì 8 Ottobre 2018 di Fabio Rossi
I nuovi autovelox, inseriti nell'assestamento di bilancio estivo, non sono ancora arrivati, mentre i 27 attualmente in dotazione si guastano sempre più spesso, con oltre ma metà fuori uso. E così i controlli nelle strade romane contro gli eccessi di velocità sono in netto calo, nonostante le previsioni del Campidoglio a inizio anno fossero indirizzare verso un corposo incremento del 50 per cento. Nei primi otto mesi del 2018, infatti, sono state elevate circa 36 mila contravvenzioni grazie ai sistemi di rilevamento elettronico della velocità, contro le 42.464 dello stesso periodo del 2017. Un calo intorno al 15 per cento che rappresenta uno stop preoccupante, specie in un contesto in cui sulle strade romane si conta un morto ogni tre giorni, 37 feriti e 74 incidenti ogni 24 ore.

LE CIFRE
Secondo il bilancio di previsione 2018 del Campidoglio, da chi non rispetta i limiti sulle strade di Roma l'amministrazione si aspetta di incassare in tutto l'anno almeno 15 milioni di euro: 5 in più rispetto a quelli previsti nel 2017. Nel dettaglio, l'idea era di ottenere un incremento del 50 per cento di multe con gli autovelox, più 21,5 per cento di verbali staccati per violazione del codice della strada e dei divieti comunali, più 11 per cento di contravvenzioni dagli ausiliari del traffico. I dati parziali, invece, indicano una tendenza diametralmente opposta, almeno per quanto riguarda gli eccessi di velocità.

I PROBLEMI
In estate il comando dei vigili urbani aveva lanciato l'allarme: «Dobbiamo far riparare 16 autovelox». In una determina dirigenziale si spiegava la gravità della situazione, definendo i dispositivi elettronici come «strumenti indispensabili ed efficaci per contrastare il fenomeno dell'incidentalità stradale e aumentare la sicurezza dei cittadini». Il documento prevedeva una spesa di 35.809 euro per provvedere alla riparazione dei macchinari che comprende «la sostituzione di pezzi di ricambio e accessori interni». Nel documento si ricorda, tra l'altro, che i 27 autovelox sono soggetti a un uso «continuativo e gravoso» e quindi spesso sono vittime di «guasti». Fino a quando non arriveranno i nuovi apparecchi, quindi, il piano di incremento dei controlli (e delle contravvenzioni) è destinato a restare sulla carta.

IL PIANO
Appena saranno disponibili i nuovi autovelox, la polizia locale punta a piazzarli innanzitutto in via Cristoforo Colombo, in punti sempre diversi a seconda delle esigenze, e in via Cilicia. Gli altri, a seconda dei diversi gruppi, saranno piazzati preferibilmente in piazzale Maresciallo Giardino, via Marco Polo, via Casilina, via Prenestina bis, viale della Sorbona, via Appia Nuova, via di Vigna Murata, via Laurentina, via del Tintoretto, viale Egeo, viale dell'Oceano Atlantico, via della Grande Muraglia, via Pontina, via Pechino, lungomare Catullo, lungomare Duilio, viale dei Romagnoli, via Isacco Newton, vicolo del Casale Lumbroso, via della Pineta Sacchetti e via Cassia.
  Ultimo aggiornamento: 08:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani