Il cardinale Parolin alla Lega: noi insisteremo a predicare a favore dei migranti

di Franca Giansoldati
Città del Vaticano – Il giorno dopo l'exploit elettorale della Lega che ha impostato la campagna elettorale contro i migranti, il Segretario di Stato vaticano ha fatto sapere che la Santa Sede continuerà a predicare come ha sempre fatto a favore dell'accoglienza e delle porte aperte dell'Europa ai migranti. «La Santa Sede sa che deve lavorare nelle condizioni che si presentano. Noi non possiamo avere la società che vorremmo, non possiamo avere le condizioni che vorremmo avere. Quindi credo che, anche in questa situazione, la Santa Sede continuerà la sua opera di educazione, che richiede molto temp». Il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato della Santa Sede, commenta con l'agenzia dei vescovi Sir - a margine dell’incontro della Commissione internazionale cattolica sulle migrazioni  - i risultati delle elezioni politiche.

Per il segretario di Stato la cosa più importante è insistere con i fedeli. «E' importante riuscire ad educare la popolazione a passare da un atteggiamento negativo ad un atteggiamento più positivo nei confronti dei migranti. E’ un lavoro che continua, anche se le condizioni possono essere più o meno favorevoli. Da parte della Santa Sede ci sarà sempre questa volontà di proporre il suo messaggio fondato sulla dignità delle persone e la solidarietà».

Alle organizzazioni cattoliche impegnate in prima linea nell’accoglienza e integrazione dei migranti Parolin consiglia di continuare ad «impegnarsi per creare una visione positiva della migrazione. Perché ci sono tanti aspetti della migrazione positivi che all’interno di tutta questa complessità non si percepiscono».

«Consiglio di continuare il loro lavoro sul terreno perché questo le contraddistingue e caratterizza, ma al tempo stesso non avere paura di aiutare la popolazione ad avere questo nuovo approccio».  Sulla necessità di conciliare le esigenze di sicurezza dei cittadini e i bisogni di chi fugge da situazioni difficili ha osservato: «Non è facile, dobbiamo riconoscerlo. Ma questa è una sfida che spetta alla politica, ossia conciliare le due esigenze, ambedue imprescindibili. E’ logico, i cittadini devono sentirsi sicuri e protetti ma allo stesso tempo non possiamo chiudere le porte in faccia a chi sta fuggendo da situazioni di violenza e di minaccia». 
Martedì 6 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 08-03-2018 09:18

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 72 commenti presenti
2018-03-07 18:20:00
Il cardinale Parolin non vuole prendere atto della totalità dei pollici versi sulla questione migratoria espressi in questo forum, che nel suo piccolo potrebbe essere considerato quello che in Statistica si chiama appunto un "campione statistico" rappresentativo (almeno in parte) della totalità. Come fa osservare qualche altro forumista nessun commento positivo favorevole alla politica migratoria perorata dal Vaticano e dalla Chiesa Cattolica. Farebbe bene invece ad andarsi a vedere la percentuali irrisorie in voti (riportate in altro articolo di questa testata) che ha raccolto l'unica lista dichiaratamente cattolica che si ispira alla politica sociale della Chiesa di cui quella sui migranti è parte integrante. In altre parole non possiamo accoglierli tutti perché l'Italia le poche risorse che ha (non avendone altre) deve destinarle a risolvere i problemi dei nostri poveri di cui voi non ne parlate o se ne parlate ne parlate raramente. Concetto facilmente intercettabile ragionando semplicemente con il BUONSENSO. Invece il Vaticano a fronte di tali suffragi insignificanti vuol contare di più, molto di più.
2018-03-07 15:58:36
Spero che Salvini faccia una legge che dia la possibilità ai cittadini di devolvere l'8 per mille ad un fondo per rimpatriare i clandestini.
2018-03-07 15:38:19
A quanto pare chi vuole questa disordinata-disastrata migrazione di clandestini, si sguazza i marroni non facendo nulla dalla mattina alla sera. Se al cardinale gli piacciono tanto sti illegali migranti nullafacenti che se li porti a casa sua e li mantenga lui, ma non con i nostri denari ma con i suoi, ovviamente andando a lavorare come tutti gli altri cittadini, poi si che ne riparleremo.
2018-03-07 14:45:43
Quest'anno l'8x1000 datelo a voi stessi.
2018-03-07 14:43:56
non vado più per non sentire il sermone sull'accoglienza. Non dono più un cent per l'8 per mille. la causa dell' invasione di gentaglia che non fugge da nulla siete voi e quei parassiti dei centri sociali
72
  • 7 mila
QUICKMAP