Test di Medicina per quasi 70mila studenti italiani: solo uno su sei ce la fa

Test di Medicina oggi per quasi 70mila studenti italiani: solo uno su sei ce la fa
Le università italiane sono state invase stamattina, come ogni anno, da decine di migliaia di studenti che partecipano ai test d'ingresso di Medicina e Odontoiatria. Hanno presentato domanda in 67.005 (erano 66.907 nel 2017) per 9.779 posti a Medicina (erano 9.100 lo scorso anno) e 1.096 posti per Odontoiatria (erano 908 nel 2017). In sostanza, meno di uno su 6 riuscirà a farcela. I 60 quesiti, a cui i candidati devono rispondere in 100 minuti, quest'anno sono apparsi particolarmente complessi, secondo le prime impressioni degli studenti all'uscita dal test.

Buone notizie arrivano però dal presidente della Crui, la Conferenza dei rettori italiani, Gaetano Manfredi, che ha dichiarato che nel giro di due anni i posti disponibili per Medicina ed Odontoiatria negli atenei italiani potrebbero facilmente salire a 15 mila, mantenendo alta la qualità dell'insegnamento. Più decisi i Cinque Stelle, i quali ricordano che: «Garantire al maggior numero possibile di studenti l'accesso all'università è uno degli obiettivi di questo Governo, chiaramente scritto nel Contratto sul quale si fonda. Mantenere le facoltà a numero chiuso vuol dire penalizzare migliaia di studenti senza dare loro l'opportunità di impegnarsi e dimostrare quanto valgono nelle materie che hanno deciso di studiare».
Martedì 4 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 05-09-2018 20:50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-09-04 23:22:41
Si dovrebbe abolire il numero chiuso a Medicina e fare la selezione come si faceva prima del 1980 quando l'ingresso era libero ma chi non era portato per i difficili studi medici si bloccava ai primi esami e rinunciava. Il numero chiuso è ingiusto perché molti studenti che non superano gli artificiosi test potrebbero diventare ottimi medici. Leggevo su un sito medico che stiamo per assumere medici extracomunitari con procedure straordinarie perché abbiamo carenza di medici nostrani. Perché ancora abbiamo il numero chiuso? Non è un controsenso?
2018-09-04 20:35:38
Questa buffonata all'italiana doveva controllare il numero di medici in servizio ma si è trasformato in un limite al numero sostenibile per le università. Il risultato è che l'Italia avrà meno dottori di quanto richiesto. Geni!
2
  • 70
QUICKMAP