VACCINO ANTINFLUENZALE

Un business da 32 miliardi e ora Big Pharma teme i cinesi

Venerdì 28 Novembre 2014 di Carla Massi
Un business da 32 miliardi e ora Big Pharma teme i cinesi

ROMA - Vaccini, un affare mondiale. Bastano pochi numeri per disegnare il ritratto del mercato: solo il fatturato supera di poco i 40 miliardi di dollari, circa 32 miliardi di euro.

A fare da traino proprio quello del vaccino stagionale contro l'influenza, con un gruppo di aziende che si spartiscono poco più di 10 miliardi di dollari, 8 miliardi di euro. Nella partita, in tempi recenti, sono entrate anche le concorrenti cinesi che offrono un prodotto con il 30% medio di sconto. Oltre che di un affare, per i vaccini, ora si parla anche di una “cupola”.

LO SCANDALO

L'ultimo scandalo made in Italy è arrivato nel tribunale di Roma a luglio scorso. Irregolarità nella somministrazione delle profilassi impiegate per due malattie veterinarie la lingua blu e l'aviaria. Un'indagine coordinata dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo: 41 gli imputati. Le accuse spaziano dalla ricettazione alla corruzione, dalla somministrazione di medicinali in modo pericoloso per l'igiene pubblica alla tentata epidemia, dalla concussione all'abuso di ufficio. Il segretario generale del ministero della Salute, Romano Marabelli, a seguito dell'inchiesta che ha coinvolto anche Vincenzo Caporale all'epoca dei fatti direttore dell'Istituto zooprofilattico sperimentale dell'Abruzzo e del Molise e la virologa Ilaria Capua deputata di Scelta Civica, si è autosospeso dalle funzioni e dallo stipendio.

I fatti risalgono agli anni 2003-2004. Viene contestato l'impiego di un vaccino prodotto nella Repubblica del Sud Africa senza una sperimentazione che ne valutasse gli effetti indesiderati sugli animali e, di conseguenza, sugli umani. L'attività illegale avrebbe causato la strage di pecore e capre con importanti danni all'erario.

Da qui le ipotesi di un business segreto, della vendita di virus che coinvolgerebbe aziende e trafficanti. A svelare parte di questo business un manager di un'azienda che ha patteggiato l'immunità in cambio delle rivelazioni sul contrabbando batteriologico. Nell'aprile del '99 si fece spedire in Italia un ceppo dell'aviaria con un corriere. L'acquisto ha coinciso, nel 1999, con un'epidemia di aviaria, negli allevamenti, al Nord Italia e il altri paesi europei.

E' sempre dell'estate passata un'inchiesta della procura di Siena nella quale si ipotizza un danno all'erario di 2,7 milioni di euro: le sedi della Novartis a Siena e ad Origgio (Varese) sono state perquisite nell'ambito di un'inchiesta del Nas che riguardava la fornitura al ministero della Salute del vaccino contro l'influenza nel 2009, ministro era Ferruccio Fazio. Su impulso dell'Oms lo Stato italiano stipulò un contratto con la multinazionale per la fornitura di 24 milioni di dosi di vaccino, per un costo di oltre 184 milioni di euro. Nel 2010, dopo il cessato allarme, il ministero chiese di interrompere la fornitura: per le dosi acquistate, più di 12 milioni, erano stati spesi 97,6 milioni. Per il risarcimento legato allo stop della produzione, l'azienda ha ricevuto 19,8 milioni di euro.

LE PROVE

Il vaccino influenzale, rispetto agli altri, ha una peculiarità: ogni anno è diverso perché ogni anno è diverso il virus o i virus che portano l'epidemia. Una volta individuato l'agente infettivo nei laboratori di tutto il mondo si mette a punto l'arma per combatterlo: viene testato su un campione e, secondo i risultati, viene modificato o messo in commercio. Gli effetti collaterali come le controindicazioni sono, più o meno sempre gli stessi. Al servizio di farmacosorveglianza dell'Aifa, l'Agenzia del farmaco, vengono segnalati gli eventi sospetti e, come in questo caso, si interviene.

Ultimo aggiornamento: 08:03