Napolitano contro il voto anticipato: «Intesa fra leader di Pd, FI, Lega e M5S solo di convenienza». No anche di Prodi: un vulnus

Martedì 6 Giugno 2017
44

No dell'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al voto anticipato. E' una presa di posizione pesante contro Matteo Renzi e il patto a quattro fra Pd, FI, Lega e M5S per il voto fra settembre e ottobre. È «abnorme» e «paradossale» il voto anticipato, tanto più frutto di un'intesa «extra-costituzionale» legata alla legge elettorale, da parte «di quattro leader di partito che agiscono solo calcolando le proprie convenienze».

Anche l'ex premier Romano Prodi boccia il voto anticipato. «Ogni legislatura ha una data di scadenza precisa, che dà stabilità. Bisognerebbe andare a fondo di questo periodo. Lo vedo un po' un vulnus anticipare», ha sottolineato Prodi a Carta Bianca. «Se vanno avanti le interpretazioni sugli italiani che non sanno come affrontare conti e fanno prima elezioni per non rinviare la resa dei conti... Questo non ci favorisce, dobbiamo stare attenti», ha aggiunto criticando anche la legge elettorale in discussione in Parlamento. «Non è la legge che volevamo noi - ha affermato -. Era un modo di dire comune: voglio essere sicuro la sera delle elezioni di chi vincerà. Questo sistema è quasi l'opposto».

Napolitano dunque pronuncia un sonoro «no». Nelle ore in cui la Camera, in un'Aula quasi deserta, avvia la discussione del nuovo sistema di voto «tedesco», arriva dall'ex capo dello Stato una netta e autorevole stroncatura dell'accordo siglato da Pd, M5s, Fi e Lega. Matteo Renzi assicura di non avere «fretta di andare a elezioni». Purché, aggiunge, si continui ad «abbassare le tasse» con una «legge di bilancio che abbia la forza di quella del 2016». Ma le parole di Napolitano fanno sperare i piccoli partiti che, complici anche le incognite del voto segreto, puntano a far saltare la legge e bloccare il ritorno alle urne. Poco meno di una ventina di deputati, su 630, prende parte alla discussione generale della legge elettorale nell'emiciclo di Montecitorio. Ma a tradire i nervosismi della vigilia delle
prime votazioni, previste mercoledì all'ora di pranzo, c'è un ruvido botta e risposta tra Beppe Grillo e il Pd.

Il leader M5s infatti, parlando con gli operai Ilva a Taranto, dice che la legge elettorale «non la capisce nessuno». Poi si corregge e spiega che il tema è «complicato» ma il lavoro sul testo è «certosino» e il testo che emerge è «costituzionale». Ma il Pd teme che dietro i 15 emendamenti presentati da M5s si celi la voglia di mettere in discussione qualche punto dell'accordo. E Lorenzo Guerini avverte: «Per noi l'accordo è valido se nessuno si sfila». Se uno dei quattro partiti vota «contro, anche su un punto marginale», sottolinea Ettore Rosato, l'accordo salta. Ma nell'accordo non c'è, assicura Matteo Richetti, il ritorno alle urne: «Nessun automatismo». Ma è la mancanza di una legge elettorale uniforme l'unico vero ostacolo al ritorno al voto. Perciò i piccoli partiti denunciano che il giorno dopo
l'approvazione del «tedesco» i quattro «grandi» saranno pronti a dichiarare finita la legislatura.

Pier Luigi Bersani, che con Giuliano Pisapia lavora al non facile percorso per il nuovo soggetto della sinistra, la racconta così: «L'accordo è votare subito. Chi non sta governando pensa di lucrare un po' di voti, chi sta governando non vuole fare la legge di stabilità: fa impressione l'assenza di responsabilità». La corsa alle urne nasce dai «capricci di uno che vuole tornare a fare il presidente del Consiglio», attacca Enrico Letta con implicito riferimento a Renzi.

Angelino Alfano prova intanto a incalzare: il testo è «incostituzionale», anche perché usa i collegi del Mattarellum,
disegnati 25 anni fa, nel 1993. Nessuna incostituzionalità, assicura il Pd: «Se ci fosse stato lo sbarramento al 3% Ap
sarebbe stato a favore», dice Rosato. Ma proprio sui collegi i quattro grandi partiti stanno ancora lavorando: in Aula il relatore Emanuele Fiano potrebbe presentare un emendamento che modifica quelli del Senato e li riduce dai 112 attuali, ai 100 dell'Italicum. Un altro emendamento, già ribattezzato «salva Mdp», permetterà ai neonati gruppi della sinistra di presentare liste senza raccogliere le firme, come tutti gli altri gruppi. Ma sui cardini dell'intesa, avvertono i Dem, non possono esserci modifiche. Perciò, di fronte alle richieste di M5s di introdurre il voto disgiunto e le preferenze e di fronte alle perplessità di alcuni di Fi sulla parità di genere, i Dem avvertono che se cambia qualcosa salta tutto. Occhi puntati, dunque, sui voti a scrutinio segreto, possibili sui temi più delicati: ne va del destino dell'intera legge.

«È semplicemente paradossale discutere se possa sprigionare incertezza politica attorno all'Italia di più l'andare a elezioni anticipate in autunno o all'inizio del prossimo anno», sono state le parole dell'ex presidente della Repubblica bocciando decisamente l'intesa sulla legge elettorale e l'ipotesi di voto anticipato: «Vedremo i risultati di questa grande intesa di 4 leader di partito che agiscono solo calcolando le proprie convenienze...», ha aggiunto.

«In tutti i paesi democratici europei si vota alla scadenza naturale delle legislature: fare diversamente significa dare il massimo contributo negativo al consolidamento della credibilità politico-istituzionale del paese. Ed è semplicemente abnorme che invece il giuoco e il patto extra-costituzionale sulla data del voto sia quasi diventato un corollario dell'accordo tra partiti sulla nuova legge elettorale (che già sembra destinata a rendere più difficile la governabilità del paese)», ha scandito Napolitano alla presentazione del Rapporto EuropEos a Palazzo Giustiniani. «Cominciamo dunque a rompere il fattore storico e attuale di incertezza politica costituito dalla fragilità e instabilità dei governi dando continuità, in piena autonomia, all'azione del governo in carica anziché metterne in dubbio la sopravvivenza, tuttora garantita da una maggioranza in Parlamento», ha osservato ancora Napolitano. 

«Ora siamo di nuovo alle prese con il tema dell'instabilità di governo, e ciò è aggravato, sul piano dell'immagine e dei rapporti politici, dal prospettare, senza neppure offrirne motivazioni appena sostenibili, ipotesi di date per elezioni anticipate, e, in conseguenza, per scadenze di governo e parlamentari come la presentazione del bilancio dello Stato per il 2018», ha sottolineato l'ex presidente della Repubblica.

«L'elemento d'incertezza da rimuovere» è l'instabilità di governo. «Lo spettro dell'instabilità è riaffiorato subito dopo l'insediamento e il positivo avvio del governo Gentiloni: è da febbraio che hanno cominciato a inseguirsi voci e pressioni per elezioni anticipate «al più presto» e il rischio di un'ingiustificata e irragionevole precipitazione è stato evitato dal consolidarsi del consenso attorno al governo Gentiloni e dal fermo richiamo di Mattarella all'interesse generale e a una corretta prassi costituzionale», ha detto ancora Napolitano.

«In questo funambolico passaggio dal francese al tedesco potevano almeno risparmiarci il gran galoppo del Parlamento in questo fine settimana», ha affermato ancora l'ex Capo dello stato.

Alle parole di Napolitano  il Pd sceglie di non replicare, mentre Renato Brunetta da FI le definisce una «sterile polemica».

 

Ultimo aggiornamento: 7 Giugno, 20:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

FaceApp, i figli crescono e le mamme invecchiano

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma