Terremoto, Conte a Ischia:
non ci sono sisma di serie B

Giovedì 6 Settembre 2018
«Dall'agosto del 2017 è passato troppo tempo, senza adeguati interventi del governo. Ora dobbiamo muoverci in modo risolutivo. Non esistono terremoti serie A e terremoti di serie B».Così il premier Giuseppe Conte in visita nelle zone terremotate di Ischia.

 «Sono fortemente rammaricato, da servitore dello Stato, dei ritardi che si sono accumulati durante la fase di emergenza: la zona rossa piena di macerie, le scuole inagibili, il problema degli sfollati, gli intoppi burocratici. Da qui abbiamo voluto mandare un messaggio chiaro, basta parlare di emergenza, bisogna ripartire», spiega il presidente del Consiglio. «Ho incontrato tanta brava gente che si sente abbandonata, tanti bimbi con gli occhi pieni di speranza che non possono entrare nella propria scuola danneggiata. Ho incontrato sindaci e amministratori innamorati della propria terra, sfiduciati ma combattivi. A tutti loro va la mia ammirazione», sottolinea Conte che, prima di lasciare l'isola, ha incontrato un gruppo di bambini ischitani che hanno intonato per il capo del governo l'inno di Mameli. E in un post, Conte, ribadendo per la settimana prossima il decreto ad hoc per le emergenze, racconta di aver incontrato anche «i familiari delle vittime, ai quali va la mia vicinanza e quella di tutto il governo e anche i piccoli scampati miracolosamente alla tragedia. Qui - sottolinea Conte - un ringraziamento va ai vigili del Fuoco e alla macchina dei soccorsi che si è attivata prontamente». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma