Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cuperlo: se il governo porrà la fiducia sull'Italicum
la legislatura potrebbe finire

Gianni Cuperlo
2 Minuti di Lettura
Domenica 19 Aprile 2015, 16:34 - Ultimo aggiornamento: 20 Aprile, 10:01
Se il Governo ponesse la fiducia sulla legge elettorale provocherebbe uno «strappo grave» in Parlamento che «porrebbe la legislatura sul binario di un suo esaurimento».

Lo ha detto Gianni Cuperlo a "L'intervista" di Maria Latella su SkyTg24, che ha lanciato un appello al premier Renzi e al ministro Boschi per evitare questo scenario. Cuperlo ha ribadito che la «combinazione» di riforma

costituzionale del Senato e delle nuova legge elettorale, ha bisogno «di trovare ancora un suo punto di equilibrio».

L'esponente della minoranza Pd si è quindi domandato il perchè di questa «accelerazione» dell'Italicum alla Camera. La preoccupazione, ha spiegato, è che «quella che è una regola comune» sia approvata non da una ampia maggioranza, ma addirittura da un arco di forze che non comprende nemmeno l'intera maggioranza di governo, visto che «anche Scelta civica ha chiesto delle modifiche».

Sull'ipotesi che il governo metta la fiducia, Cuperlo ha detto: «Fino all'ultimo mi impegnerò per evitare che si arrivi ad un voto di fiducia sulla legge elettorale. Sarebbe uno strappo che ha un solo precedente nella nostra tradizione repubblicana, nel 1953» sulla cosiddetta legge truffa.
© RIPRODUZIONE RISERVATA