Targa in memoria di ragazzina uccisa dai partigiani, polemica a Noli. L'Anpi: era una fascista

Venerdì 15 Settembre 2017
97
I conti con la storia non sono ancora finiti a Noli, in provincia di Savona. Fa discutere l'iniziativa di un consigliere comunale di centrodestra di ricordare una ragazzina violentata e uccisa dai partigiani perché accusata di collaborazionismo con il regime fascista con una targa nella piazza dedicata ai fratelli Rossetti, assassinati nel 1937 da un gruppo dell'organizzazione parafascista francese La Cagoule. La storia di Giuseppina Ghersi, tredicenne di Savona uccisa il 30 settembre del 1945, pochi giorni dopo la liberazione, torna di attualità fra le polemiche, come scrive il Secolo XIX. A proporre la targa, che sarà inaugurata il 30 settembre, Enrico Pollero, di centrodestra e con un padre partigiano che, ricorda «è stato in montagna per diciotto mesi». «Ma dopo aver letto la storia di Giuseppina Ghersi ho pensato che bisognava fare qualche cosa per ricordare una bambina di 13 anni uccisa senza motivo».

«Per ricordare lei, non chi ha combattuto dalla parte sbagliata» spiega il consigliere secondo il quale però «dall'altra parte non c'erano solo criminali e disgraziati». Pollero punta a una «vera riappacificazione» sostenuto dal sindaco della cittadina del ponente ligure, medaglia d'oro della resistenza.

Ma l'associazione partigiani è insorta. «Siamo assolutamente contrari. Giuseppina Ghersi era una fascista. Protesteremo col comune di Noli e con la prefettura», dice Samuele Rago, presidente provinciale dell'Anpi. «Eravamo alla fine della guerra, è ovvio che ci fossero condizioni che oggi possono sembrare incomprensibili», sostiene. Parole dalle quali prende le distanze Bruno Spagnoletti, dirigente Cgil in pensione. «Non riesco a capire come si possa giustificare l'esecuzione di una bambina di 13 anni», afferma. 

«La pietà per una giovane vita violata e stroncata non allontana la sua responsabilità per la scelta di schierarsi e operare con accanimento a fianco degli aguzzini fascisti e nazisti che tante sofferenze e tanti lutti hanno portato anche nella città di Savona e nella provincia», scrive l'Anpi di Savona in una nota.

Dall'Anpi si dissocia l'Associazione nazionale partigiani cristiani (Anpc), sezione Sestri Levante e Tigullio. L'Anpc, si legge in una nota «non può condividere l'ostilità a una iniziativa, come quella del Comune di Noli, che si limita a rendere la dovuta memoria a una vittima innocente degli eccessi della guerra di Liberazione».

«Una simile iniziativa non pare affatto disconoscere i meriti di coloro che hanno davvero combattuto esclusivamente per il riscatto dell'Italia dall'occupazione nazi-fascista», prosegue l'Anpc, secondo la quale l'iniziativa «oltre a rendere pietà a una giovane vita ingiustificatamente stroncata, contribuisce a tributare il giusto omaggio a coloro, tanti, la maggioranza, che, pur combattendo risolutamente, non si sono resi responsabili di inutili atrocità». «La ricostruzione della verità storica non potrà mai essere considerata di ostacolo alla corretta memoria della Liberazione», conclude la nota. 


  Ultimo aggiornamento: 16 Settembre, 22:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma