Suicidio assistito di Davide Trentini, chiesto il processo per Cappato e Welby

Richiesta di rinvio a giudizio per Marco Cappato e Mina Welby per la morte di Davide Trentini, 53 anni, malato di Sla, deceduto esattamente un anno fa in Svizzera col suicidio assistito. È quanto si apprende dall'associazione Luca Coscioni dopo che il suo leader Cappato ha annunciato, in un videomessaggio, che il 31 maggio 2018 si svolgerà a Massa l'udienza preliminare. Ad accompagnare Trentini fu Welby, copresidente dell'associazione Coscioni, Cappato fornì informazioni e assistenza logistica e finanziaria.

Trentini, ex barista di Massa, ammalatosi di Sla nel 1993, quando aveva 27 anni, scelse di andare a morire in una clinica di Basilea. Il giorno dopo la sua morte Cappato e Welby andarono ad autodenunciarsi dai carabinieri di Massa, venendo poi iscritti nel registro degli indagati dalla procura. A ottobre 2017 l'avviso di chiusura indagini con la contestazione di aver rafforzato l'altrui proposito di suicidio e di aver agevolato l'esecuzione. A cercare i due esponenti dell'associazione Luca Coscioni era stata la madre di Trentini per conto del figlio: era stata lei a scrivere la prima email a Marco Cappato per chiedere aiuto per Davide, che voleva morire il prima possibile, soffrendo pene e dolori atroci.

LEGGI ANCHE: Davide Trentini, l'ultima lettera prima dell'eutanasia: spero Italia diventi Paese civile
Venerd├Č 13 Aprile 2018 - Ultimo aggiornamento: 14-04-2018 13:52

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP