Lei lo lascia, lui la uccide e si spara: il delitto annunciato su WhatsApp

Mercoledì 8 Giugno 2016
8

SPILIMBERGO  - Omicidio suicidio a Spilimbergo (Pn) nella notte, verso le 23 di ieri, in una casa al civico 24 di via della Repubblica. La tragedia, pare, per una storia d’amore finita male.
Lei, Michela Baldo, del posto, diplomata alla scuola Stringher di Udine, che aveva compiuto 29 anni lo scorso gennaio, lo aveva lasciato da qualche giorno dopo 3 anni di relazione. Lui, ex guardia giurata che viveva a Codroipo (Ud) in via Casali Ferrovia, Manuel Venier, 36 anni, non ha accettato la fine. L’ha raggiunta nella sua casa, di cui aveva ancora le chiavi, e l’ha uccisa sparandole due colpi di pistola, una Heckler&Koch, che deteneva regolarmente. Quando è entrato in casa lei non c’era: era ancora al lavoro. Appena Michela è arrivata ha messo il silenziatore e ha sparato due colpi, per poi rivolgere l’arma contro sé stesso, sparandosi un colpo alla tempia destra, morendo all’istante.
I due corpi sono stati trovati dai carabinieri. Nel telefonino di lui messaggi drammatici di sconforto in un gruppo creato su Whatsapp dal nome "Addio". I carabinieri sono stati avvertiti da un amico che aveva letto gli intenti suicida di Manuel Venier nel gruppo Whatsapp. Dopo essere stati a casa sua e aver parlato con la madre dell'uomo hanno accertato che dall'abitazione era sparita la pistola. A quel punto i militari hanno avvertito la stazione di Spilimbergo e una pattuglia è accorsa a casa della ragazza. La porta era chiusa: sono arrivati i vigili del fuoco che l'hanno sfondata e hanno trovato i cadaveri per terra.
Michela Baldo lavorava come commessa al supermercato Lidl di Spilimbergo, lui invece al supermercato Cadoro di Codroipo e si occupava da un paio di mesi del settore ortofrutta. La casa è stata posta sotto sequestro. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Monica Carraturo.

 

 

Ultimo aggiornamento: 10 Giugno, 09:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA