Potenza, maltrattamenti ai pazienti disabili: 8 arresti

Lunedì 26 Marzo 2018
1
Potenza, maltrattamenti ai pazienti disabili: 8 arresti

Calci e pugni, schiaffi e spintoni. Sono le violenze che otto tra educatori e assistenti ai disabili infliggevano ai pazienti di una casa di cura a Venosa, in provincia di Potenza. Ora, i presunti responsabili sono finiti agli arresti domiciliari. L'inchiesta «Riabilitazione invisibile», coordinata dalla Procura di Potenza e condotta dai carabinieri del Nas, ha portato in tutto a 15 misure cautelari, compresi due provvedimenti di interdizione dalla professione per altrettanti medici e cinque divieti di dimora a Venosa. Coinvolto anche un religioso, responsabile legale di un istituto medico psico-socio pedagogico.

L'inchiesta è partita dalla denuncia della madre di un paziente, che aveva notato sul corpo del figlio ematomi e graffi. Le indagini sono state condotte anche con intercettazioni audio, video e telefoniche. I filmati hanno permesso di rilevare episodi di maltrattamento. Spesso, i pazienti che dovevano essere spostati da una stanza all'altra venivano trascinati in terra lungo i corridoi. Gli inquirenti contestano agli indagati anche l'assenza di attività ludiche, ricreative e riabilitative, e un completo disinteresse nei confronti dei degenti. Dall'esame di 22 cartelle cliniche e di diari medici sottoposti a sequestro, inoltre, è emerso che i dottori, nel corso degli anni, avrebbero omesso di registrare l'invio al pronto soccorso di alcuni pazienti per ferite lacero-contuse e traumi cranici. I reati contestati vanno dal concorso in maltrattamenti alla falsità ideologica, fino all'omissione di atti d'ufficio.

Ultimo aggiornamento: 27 Marzo, 15:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA