Trento, tre giovani base jumper si lanciano con la tuta alare: un morto e un ferito

Lunedì 28 Agosto 2017
6
Foto d'archivio

TRENTO -  Un giovane base jumper di 26 anni è morto  in seguito a un tragico volo oggi in Trentino, lanciandosi dalla Paganella. Il ragazzo si è schiantato sulle rocce dopo che si era lanciato con altri due amici, di cui uno, 25 anni, è rimasto ferito ed è stato trasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento. A dare l'allarme era stato l'unico dei tre che era atterrato senza difficoltà a Zambana Vecchia. Il ferito è stato ritrovato nel primo pomeriggio, poi la vittima. 

Intanto è per le condizioni dell'adolescente la maggiore apprensione tra quelle per le persone di una cordata precipitata, ieri, sul ghiacciaio della Presanella. Nell'incidente erano morti sul colpo due degli alpinisti del gruppo. Si tratta di un ragazzo di 13 anni, ricoverato all'ospedale Santa Chiara di Trento,nel quale sono anche altri quattro componenti del gruppo, tutti di Salòe Malesino (Brescia). Si trova invece agli Spedali civili di Brescia il padre dell'adolescente, mentre un'altra persona è al San Maurizio di Bolzano. L'adolescente e il genitore sono in serie condizioni.

I carabinieri hanno seguito intanto le procedure d'indagine del caso per tentare di ricostruire l'accaduto.

In serata si è appreso che la vittima è  un ragazzo australiano arrivato in Italia proprio per lanciarsi con la tuta alare. 

Ultimo aggiornamento: 30 Agosto, 19:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA