Agrigento, accoltella e uccide il socio nell'officina: poi si costituisce all'alba

Sabato 6 Maggio 2017
Meccanico ucciso dal socio nell'officina che gestivano insieme. L'omicidio nella tarda serata di ieri alla periferia di Agrigento, in contrada San Benedetto. La vittima è un meccanico di 39 anni, Giuseppe Mattina. Il presunto assassino, Giovanni Riggio di 29 anni, dopo avere accoltellato a morte la vittima, lo ha chiuso nell'officina che i due gestivano insieme, si è messo in macchina e ha raggiunto i suoi familiari a Palermo. Qui, all'alba, si è presentato al Commissariato Brancaccio e si è costituito. Il giovane si è presentato con gli indumenti ancora sporchi di sangue, confessando il delitto che ancora non era stato scoperto. La polizia di Agrigento si è recata nell'officina e, dopo avere forzato l'ingresso con l'aiuto dei vigili del fuoco ha trovato il cadavere del meccanico. 

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori l'omicidio sarebbe stato causato da dissidi di natura economica tra i due soci che avevano deciso di aprire insieme l'officina di contrada San Benedetto. La vittima era infatti titolare di un'altra officina sempre ad Agrigento, nella zona del Villaggio Mosè. Giovanni Riggio davanti agli agenti del commissariato Brancaccio di Palermo, città di cui è originario, ha confessato il delitto sostenendo di avere chiesto inutilmente al socio la restituzione di una somma di denaro. Il giovane, di fronte all'ennesimo rifiuto, avrebbe accoltellato Giuseppe Mattina. Sono in corso indagini da parte della Questura di Palermo e di Agrigento.

  Ultimo aggiornamento: 16:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma