Spari a salve e offese a migrante: «Negro bastardo», gli autori sono due 13enni italiani: «Solo goliardia»

Rintracciati a Pistoia gli autori dell'aggressione all'immigrato. Gli hanno detto «negro bastardo» e sparato due colpi a salve da una scacciacani. Così, anche ammettendo le proprie responsabilità, i due 13enni responsabili del gesto hanno ricostruito con la polizia l'episodio del 2 agosto scorso quando hanno voluto spaventare un migrante che faceva footing. Per la loro età non sono imputabili, ma accertamenti della polizia sono in corso su eventuali responsabilità dei genitori.

LEGGI ANCHE «Negri di m...»: spari da un'auto in corsa contro gli stranieri del centro migranti


 

«È stata una goliardata - hanno detto in sostanza agli investigatori -, non ci sono dietro motivi ideologici». I due frequentano le medie e sono italiani. Abitano con le famiglie a Pistoia, una delle quali vive in un alloggio popolare. La pistola scacciacani è del padre di uno di loro ed è stata trovata, senza il tappo rosso obbligatorio, durante le perquisizioni a casa. Trovati insieme all'arma anche 200 colpi a salve. Il 2 agosto hanno preso la scacciacani. Prima di transitare nei pressi della chiesa di Vicofaro, avevano fatto una sessione di spari a salve in un terreno dietro una palestra, per passare il tempo. Poi, spostandosi in bicicletta, hanno incrociato il migrante, il gambiano Buba Ceesay che si stava allenando, e hanno esploso i colpi.

Diversi testimoni hanno visto i due tredicenni sia nelle vicinanze della palestra dove erano andati a sparare in un'area esterna, sia nei pressi della chiesa di Vicofaro. È grazie a questi racconti che la polizia è riuscita a individuarli. Utili anche le immagini di alcune telecamere nei paraggi e vari sopralluoghi, fra cui quello in cui sono stati ritrovati i due bossoli nei dintorni della chiesa di Vicofaro. 

L'arma usata potrebbe essere una scacciacani di ultima generazione ma saranno fatti accertamenti specifici: come le altre scacciacani non è offensiva, serve a spaventare, ma ci sono modelli recenti che hanno tutti i meccanismi di una pistola normale tranne lo sparo. Tra i congegni c'è lo scarico all'esterno dei bossoli per questo sono stati trovati in terra quelli sparati. I due ragazzi non sono imputabili poiché minori di 14 anni. La questura di Pistoia ha trasmesso gli atti alla procura minorile di Firenze che potrebbe attivare provvedimenti di tipo civile o amministrativo. A breve la polizia sentirà i genitori di entrambi i ragazzi.
 
Giovedì 9 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 11-08-2018 19:03

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 39 commenti presenti
2018-08-10 11:38:49
Quanto razzismo in molti interventi su questi giovanissimi goliardi,ed il loro infelice modo di trascorrere il tempo, per non annoiarsi . Sarebbe ovvio esprimersi così, ma la condizione sul terreno è ancora più grave, perché basta leggere Topolino per non essere razzisti, ma per superare questo livello culturale sotto lo zero, una sorta di permafrost, ci vuole un secolo.
2018-08-10 11:36:14
Liberi di non pubblicarle, ma mancano iseguenti fatti quotidiani: - Ancona: pestaggio autista ad opera di clandestini; Avellino: tuniusinoruba in una auto e accoltella carabiniere; - Milano: peruviano clandestino tenta stupro ad una 15enne ma qui è notizia di tutti i giorni ed il sindaco Sala tace come fa il Messaggero; - Potenza: immigrati in rivolta danneggiano CIE mettendosi anche nudi e minacciando di morte gli operatori. Queste cose, di tutti i giorni, vanno pubblicate
2018-08-10 10:06:05
Goliardicamente li prenderei ad anfibiate sui denti insieme a tutti i progressisti (che si legge razzisti) che scrivono nefandezze non solo tollerando ma incitando comportamenti di questo tipo. Se non fosse che il medioevo a confronto era un periodo di grande progresso direi che ne stiamo vivendo la versione moderna.
2018-08-10 09:17:33
Quando pubblicherete i quotidiani pestaggi di nigeriano contro autisti dei servizi pubblici e i tentativi di stupri ormai tutti i giorni? Cosa temete di esasperare la gente e quindi è bene nascondere queste notizie? Mano a mano che la gente invece subisce questi reati, non voterà più il PD che ha voluto questa situazione. Il PD sapeva benissimo che la nostra giustizia fa ridere e non doveva far entrare migliaia di criminali. Poi andiamo ad analizzare cosa hanno detto i 13enni in questione-
2018-08-10 08:56:25
Goliardata? Chiamiamo le cose on il loro nome per favore.... Teppismo e della peggior risma.... Sicuramente i ragazzotti in questione subiranno una sonora romanzina e a letto senza cena!!!! Forse sarebbe il caso di punire in maniera esemplare questi scellerati, magari facendogli fare un bel periodo di volontariato forzato dentro un centro di accoglienza a pulire cessi per rendersi conto, se i loro poveri neuroni fulminati riescono a farlo, che sono esseri umani, magari anche meglio di loro e non bersagli da insultare, deridere e prendere di mira con una scacciacani!!!
39
  • 834
QUICKMAP