Spari a salve e offese a migrante: «Negro bastardo», gli autori sono due 13enni italiani: «Solo goliardia»

Giovedì 9 Agosto 2018
39

Rintracciati a Pistoia gli autori dell'aggressione all'immigrato. Gli hanno detto «negro bastardo» e sparato due colpi a salve da una scacciacani. Così, anche ammettendo le proprie responsabilità, i due 13enni responsabili del gesto hanno ricostruito con la polizia l'episodio del 2 agosto scorso quando hanno voluto spaventare un migrante che faceva footing. Per la loro età non sono imputabili, ma accertamenti della polizia sono in corso su eventuali responsabilità dei genitori.

LEGGI ANCHE «Negri di m...»: spari da un'auto in corsa contro gli stranieri del centro migranti

 


«È stata una goliardata - hanno detto in sostanza agli investigatori -, non ci sono dietro motivi ideologici». I due frequentano le medie e sono italiani. Abitano con le famiglie a Pistoia, una delle quali vive in un alloggio popolare. La pistola scacciacani è del padre di uno di loro ed è stata trovata, senza il tappo rosso obbligatorio, durante le perquisizioni a casa. Trovati insieme all'arma anche 200 colpi a salve. Il 2 agosto hanno preso la scacciacani. Prima di transitare nei pressi della chiesa di Vicofaro, avevano fatto una sessione di spari a salve in un terreno dietro una palestra, per passare il tempo. Poi, spostandosi in bicicletta, hanno incrociato il migrante, il gambiano Buba Ceesay che si stava allenando, e hanno esploso i colpi.

Diversi testimoni hanno visto i due tredicenni sia nelle vicinanze della palestra dove erano andati a sparare in un'area esterna, sia nei pressi della chiesa di Vicofaro. È grazie a questi racconti che la polizia è riuscita a individuarli. Utili anche le immagini di alcune telecamere nei paraggi e vari sopralluoghi, fra cui quello in cui sono stati ritrovati i due bossoli nei dintorni della chiesa di Vicofaro. 

L'arma usata potrebbe essere una scacciacani di ultima generazione ma saranno fatti accertamenti specifici: come le altre scacciacani non è offensiva, serve a spaventare, ma ci sono modelli recenti che hanno tutti i meccanismi di una pistola normale tranne lo sparo. Tra i congegni c'è lo scarico all'esterno dei bossoli per questo sono stati trovati in terra quelli sparati. I due ragazzi non sono imputabili poiché minori di 14 anni. La questura di Pistoia ha trasmesso gli atti alla procura minorile di Firenze che potrebbe attivare provvedimenti di tipo civile o amministrativo. A breve la polizia sentirà i genitori di entrambi i ragazzi.
 

Ultimo aggiornamento: 11 Agosto, 19:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, domani all’Olimpico contro il CSKA: il successo è obbligatorio

di Ugo Trani