Italia in stato di emergenza, cosa significa e come cambia la vita quotidiana? La guida

Italia in stato di emergenza, cosa significa e come cambia la vita quotidiana? La guida
3 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Dicembre 2021, 19:18 - Ultimo aggiornamento: 20:16

Lo stato di emergenza è il regime speciale creato per affrontare la pandemia da Covid, introdotto nel gennaio del 2020 dal governo di Giuseppe Conte per la prima volta. Il regime non può durare oltre 12 mesi: c'è però la possibilità di prorogarlo con un intervento legislativo da parte del Parlamento

La previsione dei poteri speciali: quali sono

In questo caso, la principale caratteristica è nei poteri speciali che tanto il governo nazionale quanto la protezione civile possono esercitare, in deroga a qualsiasi disposizione in vigore purché nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico. Sono diretta applicazione di questo - ad esempio, per stare al caso della pandemia - il comitato tecnico scientifico, il commissario all'emergenza, l'uso delle mascherine, il distanziamento, la disciplina dei comportamenti nelle singole regioni in base ai colori e a determinati parametri sanitari, lo smart working. Lo stato di emergenza Covid si porta infatti dietro tutta una serie di norme che dal 2020 regolano la vita degli italiani, fino all’obbligo del Super Green pass

Per prorogare lo stato d'emergenza attualmente in vigore, e in scadenza il 31 dicembre, il governo ha bisogno di un passaggio parlamentare per la conversione del decreto legge con cui ne viene disposto il prolungamento nel tempo (si parla di marzo 2022).

Stato di emergenza verso proroga al 31 marzo: consiglio dei Ministri già domani

Veneto verso zona gialla da lunedì, pesano dati ospedali. Scoperti altri due casi di Omicron

La legge che lo istituisce

La fattispecie di stato di emergenza è stata disciplinata dalla legge 225 del 1992, che ha istituito la Protezione civile, ed è stata riformata con il decreto legislativo 1 del 2018. L'attuale stato di emergenza - come detto - scadrà a fine anno, ma il premier Draghi avrebbe deciso di prorogarlo fino a marzo vista la recrudescenza dei contagi. 

Cosa prevede

Il governo, durante lo stato di emergenza, può ricorrere ai Dpcm, decreti emanati dal presidente del consiglio dei ministri che non richiedono l'approvazione parlamentare. Resta in piedi la cabina di regia con i governatori delle varie Regioni, nonché gli organismi creati per combattere la pandemia come il Comitato tecnico-scientifico e il commissario straordinario. 

Nel corso degli anni, lo stato d'emergenza in Italia è stato dichiarato più di cento volte. La stragrande maggioranza delle volte a causa di calamità naturali, come eventi meteorologici, alluvioni e frane.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA