Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'imprenditore Bottega trova casa a 37 profughi ucraini: «Per gli affitti non è stato facile, la carità cristiana non è di tutti»

Sandro Bottega
2 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Marzo 2022, 13:30 - Ultimo aggiornamento: 22 Marzo, 10:45

BIBANO DI GODEGA (TREVISO) - L'azienda Bottega, cantina e distilleria di Bibano di Godega, nel Trevigiano, a distanza di due settimane dall'annuncio, ha trovato alloggio a 37 profughi provenienti dall'Ucraina, per lo più donne e bambini. Ma non è stato semplice, secondo quanto racconta Sandro Bottega.


«Non è stato facile trovare appartamenti in affitto in quanto i proprietari spesso non accettano la locazione per un periodo limitato, ma richiedono tassativamente un impegno per almeno due anni. Diciamo che la carità cristiana non è di tutti. Abbiamo avuto appoggio invece da altri imprenditori e in particolare da Marina Salamon che ha ospitato 10 persone addirittura nella sua casa: un esempio di solidarietà e di collaborazione. La speranza è che la guerra finisca presto, ma nel frattempo bisogna cercare di dare una mano a chi è in difficoltà e noi faremo sicuramente la nostra parte. Vogliamo essere di esempio e di stimolo anche per gli altri. Ringraziamo le autorità locali che ci hanno appoggiato in questo sforzo, consapevoli che il loro impegno sarà sempre più importante nel futuro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA