Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bambina annegata nel lago in gita col Grest, la Procura indaga animatori e staff

Bambina annegata nel lago in gita col Grest, la Procura indaga animatori e staff
2 Minuti di Lettura
Domenica 31 Luglio 2022, 17:36 - Ultimo aggiornamento: 1 Agosto, 08:53

REVINE LAGO - Tragedia di Revine, la Procura di Treviso ha iscritto i primi nomi nel registro degli indagati per la morte di Mariia Markovestka, la bimba ucraina di 7 anni annegata mercoledì pomeriggio nelle acque del lago di Revine, mentre era in gita con il grest. Sotto inchiesta i membri dello staff di vigilanza e dell'organizzazione del Grest del Caampud di San Giuseppe di Vittorio Veneto. Il fascicolo aperto dal pm Valeria Peruzzo ha come ipotesi di reato l'omicidio colposo e l'omissione di vigilanza. Al momento l'iscrizione ha lo scopo di garantire agli indagati la partecipazione alle operazioni peritali, autopsia in primis. L'esame autoptico verrà eseguito martedì mattina alle 9.30 dall'anatomopatologo Antonello Cirnelli all'obitorio di Vittorio Veneto per chiarire la causa del decesso e quanto tempo sia passato tra la scomparsa della bambina e il suo ritrovamento in acqua. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA