Stop al test della verginità che si basa su una fake news: la svolta dell'Indonesia

Stop al test della verginità che si basa su una fake news: la svolta dell'Indonesia
2 Minuti di Lettura
Giovedì 12 Agosto 2021, 14:29

L'esercito indonesiano non farà più il test della verginità alle reclute femminili. Lo ha detto il capo di Stato maggiore delle forze armate dell'Indonesia. I test erano stati molto criticati finiti anche da Human Rights Watch (Hrw) che ha condotto indagini nel 2014 e nel 2015 e ha più volte fatto appello per la messa al bando di questi esami vaginali obbligatori. 

ll generale Andika Perkasa, il capo dell'esercito, ha detto che «non ci saranno più esami vaginali e della cervice» e che non ci sarà più una valutazione dell'integrità dell'imene delle donne. L'integrità dell'imene e la verginità è una fake news. Che l'imene sia integro, è bene ricordarlo, non rappresenza alcuna prova di verginità. È uno dei molti luoghi comuni falsi che accompagnano la deflorazione (come quello che si sanguina sempre dopo la prima penetrazione perché l'imene si lacera).  

Il test si basa su una fake news

Come si esegue questo test invasivo in Indonesia? Un medico inserisce due dita nella vagina di una donna basandosi sulla notizia sbagliata che è possibile determinare in quel modo se una donna ha avuto un rapporto sessuale. La pratica è stata condannata come una violazione dei diritti umani. È un esame doloroso, umiliante e traumatico. Viene eseguito anche in Pakistan e Afghanistan. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA