Oceani mai così caldi, temperature record nel 2020: triste primato del Mediterraneo

Mercoledì 13 Gennaio 2021

Oceani bollenti, sempre più caldi. Immaginate 630 miliardi di asciugacapelli costantemente in funzione giorno e notte per un anno. E' la quantita di calore che i mari del nostro pianeta hanno assorbito in un solo anno e precisamente nel 2020. Le temperature sono le più alte mai registrate sin da quando la copertura delle misure permette di avere una stima a livello globale. Ed è proprio il nostro Mediterraneo a detenere il più alto tasso di riscaldamento a livello globale: le temperature rilevate nelle acque oceaniche fino alla profondità di 2.000 metri sono le più alte mai registrateLo indicano i dati raccolti da 13 istituti di ricerca di tutto il mondo, fra i quali gli italiani Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) ed Enea e pubblicati sulla rivista Advances in Atmospheric Sciences.

Nucleare, contromisure «da un territorio unito»: strategia unica per smontare il piano scorie

«Il Mediterraneo è considerato un hot spot in cui effetti dovuti al cambiamento climatico possono essere più importanti per la sua conformazione e per la circolazione delle correnti. Da questa ricerca è emerso che è il bacino con il più alto tasso di riscaldamento a livello globale», ha detto all'Ansa Simona Simoncelli, dell'Ingv, che ha partecipato allo studio con Franco Reseghetti dell'Enea. Tuttavia, l'esperta ha precisato che «si tratta di stime preliminari» e che il gruppo di ricerca ha in programma «di approfondire gli studi per capire meglio come mai il Mediterraneo abbia questo tipo di andamento». I ricercatori non hanno calcolato la temperatura, ma il contenuto di calore degli oceani fino a 2.000 metri di profondità, basandosi sui dati ricavati da tutte le osservazioni disponibili nel World Ocean Database. Si è scoperto così che nel 2020, rispetto al 2019, gli oceani, hanno assorbito una quantità di calore pari a 20 Zettajoule, ovvero l'equivalente del calore prodotto da 630 miliardi di asciugacapelli costantemente in funzione per un anno.

Grecia, 28 gradi a gennaio (mai così da 50 anni): folla sulle spiagge, multato chi era senza mascherina

© RIPRODUZIONE RISERVATA