Gran Bretagna, 16enne ritrovata in un bosco 13 giorni dopo la scomparsa: confessa il marito della cugina

Lunedì 16 Novembre 2020 di Federica Macagnone
Gran Bretagna, 16enne ritrovata in un bosco 13 giorni dopo la scomparsa: confessa il marito della cugina

Per mesi la famiglia di Louise Smith, 16enne di Havant, in Gran Bretagna, si è chiesta chi e perché avrebbe mai potuto far del male alla ragazza. Louise era amata da tutti, era una brillante studentessa e non aveva mai manifestato alcun problema. Quando è sparita la famiglia ha pregato che la sua assenza fosse temporanea, ma sapeva che non si sarebbe mai allontanata senza dire nulla. Un dolore difficile da rimarginare e che viene ravvivato a poche ore dall’inizio del processo. Shane Mays, 30 anni, marito di una cugina di Louise, si è dichiarato colpevole di omicidio colposo. Una notizia che ha sconvolto la famiglia che adesso vuole sapere cosa è successo nel pomeriggio dello scorso 8 maggio.

LEGGI ANCHE --> Napoli, ustionata in casa, Federica non ce l'ha fatta: è morta a 21 anni

Louise fu vista l’ultima volta verso mezzogiorno. Poi di lei si persero le tracce. La famiglia lanciò l’allarme e da quel momento partì un’enorme ricerca terminata tragicamente il 21 maggio, quando il corpo della ragazza fu trovato in una fitta zona boschiva a poco più di un chilometro e mezzo da casa. La notizia ha sconvolto la comunità e la polizia si è messa sulle tracce del potenziale assassino arrivando al nome di Shane Mays e della moglie Cjay Mays, 29 anni. La cugina di Louise è stata scagionata, mentre i sospetti si sono concentrati sull’uomo, che ha sempre negato ogni coinvolgimento. Fino a ora. A poche ore dall’inizio del processo, infatti, l’uomo si è dichiarato colpevole di omicidio colposo.

Il procuratore James Newton-Price QC ha dichiarato: «Questa difesa non è accettabile. Dobbiamo andare a processo per arrivare a dire se si è trattato o no di un omicidio colposo». La verità, almeno quella giudiziaria, verrà fuori in aula, mentre una famiglia distrutta prova ancora a rispondere a una sola domanda: perché? 

Ultimo aggiornamento: 20:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA