Iraq, lacrimogeni sui manifestanti davanti all'ambasciata americana: feriti

Mercoledì 1 Gennaio 2020

Gas lacrimogeni sui manifestanti in Iraq: le forze di sicurezza a Baghdad hanno tentato così disperdere i manifestanti filo-iraniani che hanno trascorso la notte fuori dai cancelli dell'ambasciata americana. Migliaia di dimostranti si erano radunati ieri davanti alla sede diplomatica per protestare contro gli attacchi aerei statunitensi che hanno ucciso 25 combattenti filo-iraniani nel fine settimana.

Baghdad, assalto all'ambasciata Usa. Trump accusa: «Iran responsabile»

Dopo avere montato una cinquantina di tende e persino bagni portatili, centinaia hanno annunciato un sit-in davanti all'ambasciata fino a quando le forze statunitensi non saranno espulse dal paese. Stamattina hanno anche dato fuoco a bandiere degli Stati Uniti. In risposta, le forze di sicurezza all'interno dell'ambasciata hanno sparato gas lacrimogeni contro i manifestanti, molti dei quali sono rimasti feriti e sono stati portati via da ambulanze. 
 

 
 

Ultimo aggiornamento: 09:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma