DONALD TRUMP

Corea del Nord, Kim Jong-un: «Mai più conflitti grazie all'atomica sapremo difenderci»

Martedì 28 Luglio 2020
1
Corea del Nord, Kim Jong-un: «Mai più conflitti grazie all'atomica»

La Corea del Nord non avrà più guerre grazie al possesso di armi atomiche che ne assicurano la sicurezza e il futuro malgrado la continua pressione esterna e le minacce militari: Kim Jong-un, nelle celebrazioni di ieri del 67mo anniversario della fine della Guerra di Corea del 1950-53, ha detto che il Paese ha sviluppato armi nucleari per avere la «forza assoluta» ed evitare un altro conflitto. «Siamo in grado di difenderci di fronte a qualsiasi forma di pressione ad alta intensità e minacce militari di forze imperialiste e ostili», ha aggiunto il leader. 

Seul, sindaco scomparso e trovato morto: era stato denunciato per molestie da una segretaria
Coree, è alta tensione: Kim fa esplodere la palazzina del dialogo (ma non vuole la guerra)

«Grazie al nostro affidabile ed efficace deterrente nucleare di autodifesa, non ci sarà più una parola come guerra su questa terra. La sicurezza nazionale e il futuro del nostro Paese saranno garantiti per sempre», ha detto Kim nel resoconto dell'agenzia ufficiale Kcna, parlando a un evento organizzato per i veterani del sanguinoso conflitto. Le valutazioni di Kim sono maturate nel mezzo dello stallo negoziale con gli Usa sullo smantellamento dei piani nucleari e missilistici, mentre i rapporti con Seul sono tornati a essere tesi. Kim e il presidente americano Donald Trump si sono visti per la prima volta a giugno del 2018 a Singapore facendo sperare nella fine negoziata alle minacce nordcoreane.

Kim Jong-un è vivo: riappare in pubblico per inaugurare centro fertilizzanti, diffuse 21 foto

Il loro secondo vertice, a febbraio del 2019 in Vietnam, e gli altri incontri, incluso quello al confine intercoreano di Panmunjom, si sono risolti in un nulla di fatto. A dicembre 2019 Kim ha dichiarato la fine della moratoria volontaria sui test nucleari e missilistici: Pyongyang non avrà più colloqui in assenza di un cambio delle politiche «ostili» degli Usa verso il Nord.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA